Acqualatina, visita agli impianti di depurazione di Latina, Terracina e Sabaudia

Seconda tappa del "tour depuratori": un viaggio all’interno delle principali strutture del territorio per permettere di scoprirne i funzionamenti e le tecnologie

Seconda tappa del "tour depuratori - Acqualatina a porte aperte": un viaggio all’interno dei principali impianti di depurazione, per permettere di scoprirne i funzionamenti e le tecnologie, entrando nel vivo del processo che trasforma le acque reflue fognarie in acque limpide e pure da reimmettere in natura. Dopo la visita agli impianti di Minturno, Gaeta e Sperlonga dello scorso 17 ottobre, è stata la volta dei depuratori di Terracina, Sabaudia e Latina Mare.

"Vi ringrazio per essere qui, a nome mio, del Presidente Lauriola e di tutto il Consiglio di amministrazione - ha dichiarato il consigliere Alessandro Cerilli - Riteniamo particolarmente importanti questi incontri, perché si inseriscono nel nostro percorso di massima trasparenza sull’operato quotidiano della Società. Il nostro obiettivo è far conoscere a tutti il funzionamento di questi impianti, che permettono di depurare acque di fognatura per poi reimmetterle in natura limpide e trasparenti. Il presidente Lauriola li ha fortemente richiesti proprio per una forma di rispetto nei confronti dei cittadini che usufruiscono dei servizi da noi gestiti". L'amministratore delegato Marco Lombardi chiarisce che Acqualatina gestisce 68 impianti di depurazione, con circa 70 persone in forza, poco più di una per impianto. "Questo è possibile - spiega  - grazie al buon livello di automazione ottenuto negli anni. Abbiamo visitato l’impianto di Terracina, che serve 55.000 abitanti, quello di Sabaudia, con una capacità di 30.000, e quello di Latina mare a servizio di 15.000 abitanti equivalenti, ovvero tutta l’area costiera del capoluogo, con un sistema unico che coniuga una parte industriale con un sistema di fitodepurazione, ossia un sistema di piante con specifiche funzioni depurative. Da anni gli impianti sono a disposizione anche delle visite scolastiche e l’obiettivo è quello di aprire presto le loro porte anche a tutti i cittadini del territorio, per mostrarne efficienza e funzionalità a chiunque lo desideri". 

Dario Bellini, presidente della commissione Ambiente del Comune di Latina, aggiunge: "Negli ultimi tre anni la qualità delle acque marine è nettamente migliorata e questo è sicuramente frutto di un lavoro importante da parte di Acqualatina. Speriamo di continuare su questa strada perché riteniamo sia quella giusta. Oggi abbiamo visitato anche l’impianto di fitodepurazione che il Comune ha dato in gestione ad Acqualatina, un vero e proprio fiore all’occhiello che contribuisce a elevare la qualità delle nostre acque. Infine, è stata l’occasione per anticipare ad Acqualatina che presto convocheremo una commissione Ambiente incentrata sul tema della dispersione idrica, un appuntamento al quale vorremmo che partecipasse anche il gestore del servizio idrico". 

Nelle prossime settimane i tour proseguiranno negli impianti di Anzio, Nettuno, Cisterna di Latina, Fondi, Formia e Itri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novembre 1985: l'atroce delitto di Rossella Angelico. Latina la ricorda intitolandole una rotonda

  • Maltempo, tragedia sfiorata: cade un albero su un'auto in transito

  • Operazione Astice secondo atto: nuovi arresti a Latina

  • Maltempo a Gaeta, “La Signora del Vento” danneggiata dalla forte mareggiata

  • Meteo a Latina: peggiorano le previsioni, l’allerta da gialla passa ad arancione

  • Scomparso da tre giorni: ricerche a tappeto con l'elicottero dei vigili

Torna su
LatinaToday è in caricamento