Andrea Cellacchi trionfa all’ ARD International Music Competition di Monaco

Il 22enne di Latina si conferma uno dei più brillanti fagottisti al mondo

Il giovane Andrea Cellacchi si conferma come uno dei più brillanti fagottisti al mondo: il 22enne di Latina si è infatti aggiudicato il 2° Premio (1° non assegnato) al prestigioso 68esimo ARD International Music Competition di Monaco. 

E’ questo l’ultimo importante riconoscimento internazionale per il giovane musicista che, ancora una volta, ha rappresentato l’Italia con successo. Negli ultimi anni, infatti, Andrea Cellacchi si è imposto nei più importanti concorsi di fagotto, vincendo il 1° Premio al 6° Concorso Internazionale “G. Rossini” di Pesaro 2014, il Premio Abbado 2015, il 1° Premio all’Aeolus Competition di Dusseldorf 2015, il 1° Premio al The Muri Competition 2016, il 1° Premio all’8° Concorso Internazionale AudiMozart 2016, il Premio Reicha Vienna 2017, il 2° Premio al 53° Internationaler Instrumentalwettbewerb Markneukirchen 2018 e il 1° Premio all’IDRS Fox-Gillet International Competition 2018.

Cellacchi all’ARD International Music Competition di Monaco

L'ARD International Music Competition di Monaco è una delle più grandi e importanti competizioni nel campo della musica classica. Quest'anno sono state presentate in totale 171 domande di fagotto da tutto il mondo e sono stati ammessi al primo round 55 candidati. Andrea Cellacchi, dopo aver superato i primi due round è stato ammesso alla semifinale; ha suonato come solista il Concerto di W. A. Mozart per fagotto e orchestra con la Münchener Kammerorchester e il brano per fagotto solo “Nailing Clouds” commissionato alla compositrice Milica Djordjevic, aggiudicandosi il Premio per la Migliore Interpretazione. Nella finale ha eseguito il Concerto di J. N. Hummel per fagotto e orchestra esibendosi nel Prinzregententheater con la Münchner Rundfunkorchester.

La cerimonia conclusiva 

La serata si è conclusa con la proclamazione dei tre vincitori. La giuria internazionale, presieduta da Milan Turković, ha assegnato il 2° Premio ad Andrea Cellacchi e al tedesco Mathis Stier, il 3° premio al tedesco Theo Plath. Il presidente Turković ha spiegato la decisione affermando che Cellacchi e Stier meritavano entrambi il primo premio, ma in base al regolamento non è stato possibile assegnare due primi premi. Nel concerto finale dei vincitori del 20 settembre scorso presso la Herkulessaal der Residenz München, il fagottista pontino si è esibito con la Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks riproponendo l’elegante Concerto di W. A. Mozart per fagotto e orchestra.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bracciante abbandonato alla stazione dal datore di lavoro si sdraia sui binari: non è mai stato pagato

  • Aprilia, in due tentano di investire i carabinieri: i residenti lanciano vasi contro i militari

  • Incidente al Piccarello, schianto fra auto: due bambine in ospedale. Strada chiusa

  • Si spara con la pistola di ordinanza: muore finanziere in servizio a Gaeta

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

  • Aprilia, minacce di morte ai carabinieri in via Francia: convalidati i due arresti

Torna su
LatinaToday è in caricamento