Coronavirus, ordinanza del Ministero della Salute: cosa cambia fino al 25 marzo

Il provvedimento firmato dal ministro Speranza che prevede ulteriori restrizioni

Nuove restrizioni fino a mercoledì 25 marzo con la nuova ordinanza del Ministero della Salute firmata da Roberto Speranza nella serata di venerdì 20 marzo. Una nuova stretta per contenere la diffusione del coronavirus che limita, tra le altre cose, anche le attività sportive all’aperto e che interessa anche la provincia di Latina, nonostante alcune Amministrazioni comunali con proprie ordinanze avessero già previsto ad esempio la chiusura dei parchi e delle aree verdi pubbliche.

"È necessario fare ancora di più per contenere il contagio - ha dichiarato il ministro Speranza -. Garantire un efficace distanziamento sociale è fondamentale per combattere la diffusione del virus. Il comportamento di ciascuno è essenziale per vincere la battaglia".

Le misure adottate

Ma cosa cambia con la nuova ordinanza del ministro Speranza? Ecco elencate tutte le misure stabilite nell'ordinanza e che avranno validità fino al 25 marzo:
    •    è vietato l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici;
    •    non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto; resta consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona;
    •    sono chiusi gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, posti all’interno delle stazioni ferroviarie e lacustri, nonché nelle aree di servizio e rifornimento carburante, con esclusione di quelli situati lungo le autostrade, che possono vendere solo prodotti da asporto da consiunarsi al di fuori dei locali;
    •    restano aperti quelli siti negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro;
    •    nei giorni festivi e prefestivi, nonché in quegli altri che immediatamente precedono o seguono tali giorni, è vietato ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza.

Restano inalterati gli orari dei supermercati e dei negozi di generi alimentari. In questo senso nei giorni scorsi la Regione Lazio aveva emanato un’ordinanza che prevedeva nuovi orari per gli esercizi commerciali rimasti aperti secondo quanto disposto dal Dpcm dell’11 marzo, ad eccezione di alcune attività come le edicole, i benzinai e i distributori automatici. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

coronavirus_ordinanza_ministrero_salute_20_03_20-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina, 227 i contagiati in provincia. Nel Lazio 173 casi positivi in un giorno

  • Coronavirus Latina: 237 contagi in provincia, 195 casi positivi in più nel Lazio in un giorno

  • Coronavirus Latina: 193 i casi positivi nella provincia pontina, 1540 in tutto il Lazio

  • Coronavirus, controlli della polizia: scoperta parrucchiera che lavorava in casa. Denunciata

  • Terracina, 250 mascherine donate al Comune. Il biglietto: "Dal vostro concittadino Gabriele Orlandi"

  • Coronavirus Fondi: il termoscanner individua un positivo al Mof, 140 screening su casi sospetti

Torna su
LatinaToday è in caricamento