Fondi: Olimpiadi delle differenziata per le scuole, ma genitori “furbetti” rovinano il gioco

Successo per l’iniziativa del Comune, ma emergomo comportamenti scorretti da parte di alcuni familiari dei ragazzi. Sindaco De Meo: “L’importanza di questo gioco risiede nella sana competizione tra classi”

Un gioco ma forse neanche troppo per alcuni genitori che, per favorire i figli, hanno fatto i furbetti” rischaindo di rovinare l'iniziativa “Olimpiadi della differenziata - Dieci e lode per la plastica e la carta” a Fondi. Un’iniziativa organizzata dal Comune di Fondi e che, nonostante qualche incidente di percorso, “procede a gonfie vele”, commentano dall’Amministrazione, e che è ormai giunta al suo giro di boa. 

Il progetto è pensato per gli studenti delle scuole elementari - 4ª e 5ª classe - e per quello della prima media che hanno tempo fino all’11 marzo per conferire plastica, carta e cartone nelle rispettive Ecoisole. “La gara sta riscuotendo un successo superiore alle aspettative – affermano il sindaco di Fondi Salvatore De Meo e l’assessore all’Ambiente Roberta Muccitelli – e di ciò siamo grati ai dirigenti scolastici e agli insegnanti, che hanno recepito l’intento educativo della gara promossa dall’Amministrazione comunale e hanno saputo coinvolgere e motivare alunni e studenti”. 

“Rammentiamo a tutti – proseguono il primo cittadino e l’assessore – che l’importanza di questo gioco risiede nella sana competizione tra classi, che stimola i ragazzi a crescere e a migliorare l’attenzione nei confronti dell’ambientale. Il rispetto delle regole è dunque fondamentale e auspichiamo che siano i ragazzi ad essere i veri protagonisti dei conferimenti, più che i propri familiari. Infatti nei giorni scorsi si sono verificati alcuni guasti alle due Ecoisole proprio perché alcuni genitori hanno effettuato conferimenti impropri, determinando più volte il bloccaggio del meccanismo. Altri, addirittura, hanno simulato un conferimento ingente inserendo ed estraendo più volte la bottiglia di plastica senza lasciarla cadere nel contenitore, vantandosi di aver aggirato il corretto conferimento.

Ci meraviglia che un genitore, con leggerezza, abbia compiuto un simile gesto, ‘immortalato’ dall’impianto di videosorveglianza, che è attivo H24 e pertanto registra qualsiasi atto improprio, che viene vagliato dal Comando di Polizia Locale.  Onde evitare squalifiche delle classi coinvolte è opportuno osservare il rispetto delle regole e ricordare che, al di là della classe e dell’Istituto che raggiungeranno la prima posizione in classifica, lo scopo del gioco è trasmettere ai nostri figli le sane abitudini di rispetto ambientale e del corretto conferimento differenziato” concludono De Meo e Muccitelli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In considerazione dei quantitativi rilevanti di plastica, carta e cartone che vengono quotidianamente conferiti, da ieri, giovedì 21 febbraio, è stata limitata l’attivazione delle Ecoisole dalle 6 del mattino alle 18 al fine di consentire un regolare svuotamento delle stesse da parte del personale del soggetto gestore De Vizia Transfer - Urbaser, che con Scau Ecologica ed Ecocontrol GSM sta collaborando con il Comune di Fondi a questa bella e innovativa iniziativa ambientale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fase 2, arriva l'ordinanza per le spiagge: si apre il 29 maggio. Ecco le regole

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Fase 2, la nuova ordinanza nel Lazio: dal 25 maggio riaprono le palestre, dal 29 gli stabilimenti

  • Coronavirus: salgono a 536 i casi in provincia, nel Lazio sono 3786 gli attuali positivi

  • Coronavirus, contagi a Priverno. Il sindaco spegne le polemiche: “Nessuna zona rossa”

Torna su
LatinaToday è in caricamento