Il mare delle Isole Ponziane e quello della Riviera d’Ulisse tra i più belli d’Italia

Premiato con le 4 vele da Legambiente e Touring Club Italiano: presentata a Roma la guida “Il mare più bello 2019”

Ponza

Anche il mare delle Isole Ponziane e quello della Riviera di Ulisse si confermano tra i più belli d’Italia, premiati con 4 vele da Legambiente e Touring Club Italiano. E’ stata presentata questa mattina a Roma la guida “Il mare più bello 2019” che prova ad offrire uno spunto su dove poter trascorrere una vacanza che punti non solo alla bellezza dei luoghi ma anche all’ambiente e che sia all’insegna di natura e acqua pulita ma anche di eccellenze enogastronomiche e luoghi d’arte. 

La guida

L’analisi di Legambinete, che da 19 anni insieme al Touring promuove la guida, attribuisce a ogni comprensorio turistico le “vele", da 1 (punteggio minimo) a 5 (punteggio massimo), simboli che testimoniano non solo il livello di purezza delle acque ma in generale la qualità ambientale, la presenza di servizi, il consumo energetico (tra i temi analizzati, anche l'uso del suolo, l'energia, i rifiuti, la sicurezza alimentare, la depurazione delle acque, le iniziative per la sostenibilità). Sono in tutto 97 i comprensori turistici individuati sulla base dei dati raccolti da Legambiente integrati dalle valutazioni espresse dai Circoli locali e dall’equipaggio della Goletta Verde. Secondo la guida è il Tirreno il mare più premiato con ben sette comprensori a 5 Vele, mentre la classifica delle Regioni vede la Sardegna al primo posto con la bandiera a 5 Vele che sventola su cinque litorali dell’isola, seguita da Sicilia, Puglia, Campania e Toscana.

Le 4 Vele sul litorale pontino

Quattro le Vele con cui viene premiato il mare pontino. I comprensori che hanno ottenuto le 4 Vele, viene spiegato, si possono considerare luoghi di grande eccellenza, in grado di coniugare un territorio di qualità con gestione dei servizi di buon livello. Nel Lazio sventola, come detto, lungo le coste delle isole Ponziane, e quelle della Riviera di Ulisse oltre che nella Maremma Laziale. 

Sindaco di Formia: "Siamo orgogliosi"

I comuni “plastic free”

Ma la novità di quest’anno è l’introduzione nella guida di un nuovo simbolo, quello dei comuni “plastic free”, cioè che hanno adottato misure per ridurre la plastica monouso sul proprio territorio. Sono 32 quelli presenti nella guida Il mare più bello 2019, tra cui quello di Sperlonga. Sono presenti anch : San Vito Chietino (Ch), Maratea (Pz), Castellabate (Sa), Pollica (Sa), Capri (Na), Ischia (Na), Riomaggiore (Sp), Vernazza (Sp), Bordighera (Im), Otranto (Le), Isole Tremiti (Fg), Carloforte (Sud Sardegna), Domus de Maria (Sud Sardegna), Realmonte (Ag), Capo d’Orlando (Me), Taormina (Me), Favignana (Tp), Noto (Sr), Malfa (Me), Santa Marina Salina (Me), Lampedusa e Linosa (Ag), San Vito lo Capo (Tp), Pantelleria (Tp), Campo nell’Elba(Li), Capoliveri(Li), Marciana Marina (Li), Porto Azzurro (Li), Castiglione della Pescaia (Gr), Follonica(Gr), Scarlino (Gr), Chioggia (Ve).

I commenti 

“Anche quest’anno raccontiamo quanto di buono fanno le amministrazioni locali costiere lungo la nostra penisola – ha dichiarato Sebastiano Venneri, responsabile Mare e Turismo Legambiente -. Il mondo del mare, infatti, si trova a dover dare risposte all’altezza delle sfide imposte dalla crisi ambientale planetaria e ha messo su un bel ventaglio di proposte e iniziative: enti locali, imprenditori privati, associazioni e regioni si sono impegnati a proporre soluzioni avanzate per una vacanza amica dell’ambiente. Tante pratiche concrete sulle quali, ne siamo più che mai convinti, cominciare a cambiare le sorti del pianeta”.

“La guida, frutto della storica collaborazione tra Touring Club Italiano e Legambiente, è un periplo lungo i 7500 chilometri di coste italiane che stimola la nostra voglia di viaggio e vacanze, ma è anche, anzi soprattutto, un vaglio rigoroso dello stato di salute dei nostri mari – ha affermato Franco Iseppi, Presidente del Touring Club Italiano -. La rigorosa selezione proposta dalla guida rappresenta bene la nostra missione: valorizzare il paesaggio, il patrimonio artistico culturale e le economie produttive dei territori. Ne risulta non una classifica, ma una mappatura geografica che fotografa le straordinarie ricchezze dei nostri mari e dei nostri laghi e segnala le buone pratiche ambientali, amministrative, turistiche che contribuiscono a conservarle e a farle conoscere. Un contributo, speriamo, all’anima attiva e green che sempre più spazio sta conquistando nella nostra società. Il tema delle coste ripropone una grande opportunità di sviluppo turistico, laddove si può trovare un rapporto virtuoso tra coste ed entroterra, perché è la condizione ideale per uno sviluppo sostenibile dell’intero territorio e per una pratica turistica che sia esperienziale, personale e sostenibile”.

Potrebbe interessarti

  • Fumo vietato sulla spiaggia, arriva l’ordinanza “smoke free”. Multe fino a 500 euro

  • Gaeta: al Porto Antico arriva “Seabin”, il maxi bidone galleggiante attira rifiuti

  • Reddito di cittadinanza, selezione dei navigator: l’elenco dei vincitori e degli idonei

  • Decennale dell'Adunata Nazionale degli Alpini: slitta la manifestazione a Latina

I più letti della settimana

  • Terremoto a Roma, scossa avvertita anche in alcune zone di Latina e provincia

  • Mariachiara muore dopo una settimana di coma: arresto cardiaco per un intervento al naso

  • Due capodogli morti a Ponza: la mamma ha cercato di liberare il figlio da una rete da pesca

  • Blitz antidroga a Cisterna, pusher ingoia ovuli di cocaina: sequestri e arresto

  • Omicidio Marino, due pentiti raccontano in videoconferenza l’eliminazione del boss

  • Guasto a un treno sulla Roma - Napoli, passeggeri bloccati sull'Intercity soccorsi da Trenitalia

Torna su
LatinaToday è in caricamento