Wiki Loves Monuments, Sermoneta aderisce al più grande concorso fotografico al mondo

Sindaco Giovannoli: “Un'occasione per promuovere il nostro territorio attraverso la fotografia"

Anche Sermoneta aderisce a Wiki Loves Monuments, il più grande concorso fotografico al mondo per numero di fotografie raccolte. Fotografi professionisti e amatoriali di oltre 50 nazioni potranno fotografare le bellezze del proprio patrimonio culturale, condividendo gli scatti con licenza libera su Wikimedia Commons, il grande database multimediale connesso a Wikipedia.

“La normativa vigente in Italia non consente di pubblicare foto di monumenti a meno che non si possegga una precisa autorizzazione da parte degli Enti pubblici o privati che hanno in consegna tali beni - spiegano dall’Amministrazione -. Per realizzare il concorso Wiki Loves Monuments, in Italia, è quindi necessario l’appoggio e il coinvolgimento diretto di tutti gli Enti che sono chiamati ad autorizzare la pubblicazione delle immagini sulle piattaforme Wikimedia”.

E il Comune di Sermoneta ha autorizzato la pubblicazione delle fotografie di tutti i monumenti di sua proprietà e dei panorami che ritraggono il paese. “Si tratta di un'occasione per promuovere il nostro territorio attraverso la fotografia – spiega il sindaco Giuseppina Giovannoli – e un modo per gli appassionati di fotografia di partecipare con i propri scatti a un concorso di portata mondiale. Più foto di Sermoneta saranno in concorso, più aumenterà la visibilità per le nostre eccellenze”. 

Per partecipare basterà registrarsi sul sito Wikimedia Commons e seguire le istruzioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Usura, estorsione e spaccio: otto arresti. In carcere anche Antonio Di Silvio

  • Usura e spaccio, Antonio Di Silvio intercettato: "Io non sono uno zingaro come gli altri"

  • Banda dei furti seriali, l'accusa chiede condanne per oltre 57 anni di carcere

  • Dramma a Terracina: uomo si toglie la vita impiccandosi a un ponte

  • Ordinano condizionatori e pagano solo l'acconto: la merce era in un deposito in provincia di Latina

  • Cinque chili di droga nascosta nell’armadio, impossibile dimostrare che era sua: assolto

Torna su
LatinaToday è in caricamento