La storia di Sermoneta, Norma e Pontinia si studia a scuola: il progetto per gli studenti

L’iniziativa, per potenziare il senso di identità culturale e di appartenenza al territorio, rientra nel Piano triennale delle Arti; coinvolti l’Istituto comprensivo Donna Lelia Catani e il Manfredini di Quartaccio

La storia di Sermoneta, Norma e Pontinia si studia in classe: ha preso il via nell'aula magna della scuola primaria di Pontenuovo il Progetto “Dalle mura ciclopiche al razionalismo passando per i giardini di Ninfa. I paesaggi ed i monumenti di Norma, Sermoneta e Pontinia raccontano la storia”, promosso e finanziato dall'USR Lazio.

Il progetto rientra nel Piano triennale delle Arti e vede coinvolti i docenti e gli alunni delle classi I B, I C, I D della scuola media dell'Istituto comprensivo Donna Lelia Catani di Norma – Sermoneta e gli allievi delle classi prime della media dell'Istituto Comprensivo Manfredini di Quartaccio a Pontinia; si avvale della collaborazione delle Amministrazioni comunali di Sermoneta, Norma, Pontinia e delle associazioni culturali del territorio.

“Promuovere lo studio della storia locale per potenziare il senso di identità culturale e di appartenenza al territorio, sviluppare le competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica, ampliare l'offerta formativa attraverso metodologie creative ed innovative: sono queste le principali finalità che l'attività progettuale intende raggiungere”, hanno spiegato le dirigenti scolastiche Giovanna Tufarelli e Domenica Gina Buglione.

Presenti alla manifestazione, accanto agli insegnanti, ai genitori e agli alunni, i delegati alla Pubblica Istruzione dei Comuni di Pontinia e Sermoneta Maria Rita D'Alessio e Antonio Di Lenola, la professoressa Paola Cerocchi dell'Associazione culturale “Roffredo Caetani” e l’ingegnere Nicola Carlomagno dell'Unitre Sermoneta.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso al Senato, 30 posti da assistente parlamentare: come candidarsi

  • Desirée, parla la mamma a Porta a Porta: "Con le cure obbligatorie sarebbe viva"

  • "Madame furto" questa volta non si salva dal carcere: dai domiciliari finisce in cella

  • Non paga il pedaggio in autostrada, smascherato: danni per 10mila euro

  • Omicidio di camorra del '92: quattro arresti tra le province di Caserta e Latina

  • Fiumi di denaro riciclati nell'impresa: due arresti e maxi sequestro da 1 milione di euro

Torna su
LatinaToday è in caricamento