Sanità, l'assessore regionale D’Amato al Goretti: visita al reparto di Neonatologia

Il commento dell’assessore alla Sanità: “Bisogna continuare a rafforzare questo servizio importante per l'intera provincia garantendo standard qualitativi rilevanti”

Visita questa mattina dell'assessore alla Sanità e all'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato all’ospedale Santa Maria Goretti. Accompagnato dal direttore generale della Asl di Latina Giorgio Casati e dal consigliere regionale Enrico Forte si è recato in particolare nell’area Materno Infantile di Neonatologia, prendendo anche visione dell’importante lavoro di riorganizzazione in corso nel reparto e dei nuovi spazi a disposizione degli ambulatori di Pediatria.

"Bisogna continuare a rafforzare questo servizio importante per l'intera provincia – ha commentato D'Amato al termine della visita - garantendo standard qualitativi rilevanti. Abbiamo incontrato gli operatori in servizio e indicato un percorso che porterà al completamento degli organici, soprattutto di neonatologia e di anestesia, garantendo così il parto indolore".

"Stiamo sviluppando un nuovo modello assistenziale pediatrico in grado di fornire un aumento dei servizi assistenziali offerti alla popolazione e del loro livello qualitativo. Per la pediatria siamo riusciti ad attivare sette ambulatori specialistici in meno di un anno – ha commentato Casati - stanno aumentando i ricoveri a maggiore complessità clinico assistenziale segno tangibile che la popolazione si riferisce sempre di più a questa struttura. Sono stati inoltre istituiti i percorsi specifici di accettazione e pronto soccorso per le pazienti ginecologiche e pediatriche. Quindi l’ospedale Goretti con le sue divisioni di Pediatria e Neonatologia, e di Ostetricia e Ginecologia si presenta con un innovativo modello di offerta sanitaria agli utenti”.

Nell’ambito dell’area pediatrica è in fase di ristrutturazione il settore dell’emergenza urgenza anche attraverso l’implementazione di un assistenza semintensiva nei letti di degenza pediatrica, in modo da poter accogliere bambini in condizioni gravi per poterli trattare direttamente all'interno della struttura o stabilizzarli in modo da garantire un trasporto in sicurezza verso i centri di terzo livello. “Con la ristrutturazione del Pronto Soccorso dell’ospedale - spiegano dalla Regione - verrà creata anche un’area dell’emergenza a misura di bambino che contribuirà a garantire la sicurezza in tutta l'area dell’Azienda. Per quanto riguarda l’area neonatologica è in corso l’arruolamento del personale specializzato necessario all’ottimizzazione funzionale per l’assistenza neonatale intensiva. Nell’attesa è stata attivata un’attività di terapia semintesiva per il trattamento delle più comuni patologie respiratorie neonatali. Dall’autunno scorso sono stati trattati alcune decine di casi di insufficienza respiratoria con i nuovi macchinari per la ventilazione non invasiva. Sono in corso i lavori per la realizzazione di dodici posti letto aggiuntivi di patologia neonatale per migliorare l’accoglienza e adeguarla maggiormente alle necessità del territorio. Per garantire un percorso nascita improntato sull'umanizzazione del parto sono operativi percorsi di diagnosi prenatale e di assistenza alla gravidanza a basso ed alto rischio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gatto incatenato e maltrattato: la segnalazione a Latina

  • Cimitero di auto rubate in un terreno: scompare il materiale sequestrato

  • Guida Michelin 2020: c'è l’Acqua Pazza di Ponza tra i ristoranti “stellati” del Paese

  • Spaccio a piazza Moro, Girondino condannato a tre anni e mezzo di carcere

  • Tabacco riscaldato e sigarette elettroniche riducono dell'80% i livelli di monossido di carbonio: lo studio italiano

  • Tragico incidente a Terracina, auto contro un camion: muore una donna

Torna su
LatinaToday è in caricamento