Festa della polizia, omaggio all'agente che perse figli e marito ad Amatrice

Un momento particolarmente toccante quello dedicato a Giovanna Gagliardi, in servizio al commissariato di Cisterna. Un riconoscimento da parte del Questore De Matteis anche allo scrittore Antonio Pennacchi

Una cerimonia nella piazza di Cisterna, davanti allo storico Palazzo Caetani, alla presenza di tutte le autorità della provincia, per celebrare il 165° anniversario della polizia. Dopo i discorsi del sindaco di Cisterna e presidente della Provincia Eleonora Della Penna e del Questore Giuseppe De Matteis, il momento più toccante e significativo della giornata: la consegna a Giovanna Gagliardi, poliziotta in servizio al commissariato di Cisterna, di una targa di riconoscimento con una particolare dedica, “Sei la migliore di noi”. Il Questore ha infatti voluto ringraziare la forza di questa poliziotta, tornata al lavoro, dopo aver perso i suoi due figli, il marito e i genitori durante il terremoto del 24 agosto che ha distrutto Amatrice.

Un riconoscimento il Questore ha voluto consegnarlo anche allo scrittore pontino Antonio Pennacchi, che De Matteis ha definito ironicamente “pericoloso eversore” per i suoi trascorsi di gioventù. “Non metta mai la testa a posto”, ha detto allo scrittore il Questore consegnandogli un vecchio verbale di polizia risalente al 1969, al giorno in cui Pennacchi venne sorpreso dalla polizia mentre affiggeva manifesti marxisti a Palazzo M.

Un ringraziamento anche al sindaco Eleonora Della Penna, che poco prima aveva voluto regalare al Questore la foto dei giudici Falcone e Borsellino, che lei stessa aveva affisso nella sua stanza in Comune.

SINDACO DELLA PENNA: "LA DIFFERENZA LA FANNO LE PERSONE"

Al Questore il compito poi di snocciolare dati, numeri e statistiche che indicano chiaramente un significativo calo dei reati in tutta la provincia, come quello delle rapine, diminuite del 50%, dei furti e degli scippi. Restano invece costanti negli anni i dati sugli omicidi (5 nel 2015 e altrettanti nel 2016) e sui tentati omicidi (15 nel 2016 e nel 2015). “La diminuzione dei reati - ha sottolineato il Questore –spesso non si traduce in una maggiore percezione di sicurezza da parte dei cittadini, che hanno una percezione diversa di sicurezza”. Sono complessivamente 20mila i reati denunciati o perseguiti dalla polizia su tutto il territorio. “E nessuno di questi – ha voluto sottolineare il Questore – è stato mai commesso da uno dei richiedenti asilo ospitati in provincia”.

QUESTORE DE MATTEIS: "REATI IN CALO"

De Matteis ha poi sottolineato l’importanza della collaborazione sperimentata con altri enti e istituzioni, a partire da quella con l’Ater che ha permesso di liberare molti alloggi popolari occupati abusivamente e di consegnarli a chi ne aveva diritto, fino a quella con i sindacati, che invece realizzato particolari accordi per la segnalazione di situazione di sfruttamento dei lavoratori stranieri. 

Una cerimonia suggestiva, che si è conclusa con la sfilata degli sbandieratori di Cori e dei butteri di Cisterna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul lavoro in un'azienda di Sermoneta: un operaio resta ustionato

  • Gatto incatenato e maltrattato: la segnalazione a Latina

  • Cimitero di auto rubate in un terreno: scompare il materiale sequestrato

  • Guida Michelin 2020: c'è l’Acqua Pazza di Ponza tra i ristoranti “stellati” del Paese

  • Spaccio a piazza Moro, Girondino condannato a tre anni e mezzo di carcere

  • Tabacco riscaldato e sigarette elettroniche riducono dell'80% i livelli di monossido di carbonio: lo studio italiano

Torna su
LatinaToday è in caricamento