Ritorno all’acqua pubblica, mandato a Cusani: 11 sindaci dicono di “no”

Sì della Conferenza dei sindaci la delibera che delega il presidente ad avviare una trattativa esplorativa con il privato. I Comuni contrari: "Vogliamo una vera ripubblicizzazione, non accollarci i debiti di Acqualatina

Ritorno all'acqua pubblica? Nella giornata di ieri si è tenuta un’importante Conferenza dei sindaci dell’Ato4 al termine della quale, a maggioranza, è stata approvata una delibera con la quale si delega il presidente Armando Cusani ad avviare una trattativa esplorativa con il socio privato sulla sua eventuale disponibilità a cedere le quote del pacchetto societario di Acqualatina, vale a dire per verificare l’eventuale sussistenza delle condizioni per un accordo con il socio privato di Acqualatina che porti l’intera compagine azionaria in mano pubblica.

Ma non è tutt’oro quel che luccica e, se da un lato per il sindaco di Latina Di Giorgi questo passaggio “rappresenta una occasione importante ai fini di valutare la possibilità di una eventuale ripubblicizzazione del servizio stesso”, dall'altro ci sono 11 primi cittadini – otto pontini – dell'Ato4 che in vece si sono detti contrari alla strada intrapresa; “vogliamo una vera ripubblicizzazione, non accollarci i debiti di Acqualatina” hanno dichiarato.

Quanto accaduto ed emerso ieri nell’ambito della Conferenza dei Sindaci, sarà ora, ha affermato il sindaco Terra, "oggetto di discussione il prossimo 5 ottobre, dove a Formia si incontrerà la cordata dei Sindaci sempre più numerosi e schierati per la tutela dell'interesse collettivo".

“La ripubblicizzazione del servizio idrico proposta dal presidente della Provincia Armando Cusani ha l’unico obiettivo di scaricare sulle spalle del socio pubblico, i Comuni, i debiti e le insolvenze contratte dalla società Acqualatina. Non si capirebbe altrimenti il perché si è voluto imporre alla conferenza dei sindaci una discussione affrettata, tardiva e monca su una questione che, già dall’esito del referendum, avrebbe dovuto interrogare tutti i Comuni”, e per questo Aprilia, Bassiano, Pontinia, Formia, Cori, Roccagorga, Amaseno, Giuliano di Roma, Nettuno, Priverno, Lenola dicono no alla mozione Cusani per la ripubblicizzazione dell’acqua.

LA NOTA CONGIUNTA DEI SINDACI - “I sottoscritti– recita la nota congiunta diramata al termine della conferenza dei sindaci - ritengono che non si possa parlare di ripubblicizzazione quando si vuole solo acquistare quote che appartengono a soggetti privati inseriti in società alle prese con gravissime condizioni finanziarie e che, peraltro, non hanno nemmeno avanzato formalmente proposta in tal senso. Per noi ripubblicizzazione vuol dire superare la gestione privatistica del servizio e seguire l’indirizzo espresso dai referendum per cui l’acqua è un bene comune da gestire con criteri di efficienza e senza alcuna forma di profitto”. Come da delibera in allegato, gli undici Comuni hanno chiesto che la conferenza dei sindaci prendesse posizione su tre punti ritenuti imprescindibili:
1.    ritorno a un soggetto di diritto pubblico;
2.    valutazione e analisi della situazione economica, finanziaria e patrimoniale della società Acqualatina, prioritaria rispetto a qualunque ipotesi di ripubblicizzazione;
3.    potere decisionale in mano ai Comuni. “La Provincia di Latina, dal 1 gennaio 2014, non esisterà più. Anche nel pieno delle sue funzioni, non ha alcuna competenza nella scelta del soggetto. E’ inaccettabile che il presidente abbia il mandato esclusivo a trattare con Acqualatina, così come è inaccettabile che si arroghi, senza diritto, il potere di gestire il processo in autonomia”.
    
Radicale la frattura generatasi nel corso della conferenza dei sindaci. “Avevamo sottolineato questi aspetti già nella riunione di lunedì scorso – prosegue la nota congiunta – e per questo abbiamo presentato una nostra proposta. Purtroppo, non ci è stato permesso di esporla in modo chiaro per l’atteggiamento scorretto mostrato dal Presidente della Provincia il quale ha troncato la discussione e imposto la messa al voto della mozione pronunciandosi, per quanto non avesse diritto al voto, indisponibile a qualsiasi mediazione. Per tale motivo, ci siamo alzati e abbiamo abbandonato l’aula senza poter peraltro rientrare, perché a seguito del voto, l’assemblea è stata sciolta. Abbiamo tuttavia sottoscritto e messo agli atti la nostra proposta e da quella intendiamo partire per le prossime azioni”. La battaglia va avanti. Sabato 5 ottobre si terrà a Formia un vertice tra i Comuni che intendono procedere ad “una vera ripubblicizzazione del servizio”. L’invito è “a tutti gli altri Comuni, perché vengano a discutere il progetto e a collaborare alla definizione di un nuovo ed efficiente modello di gestione del ciclo delle acque. La condizione in cui versa Acqualatina è drammatica e per uscirne è necessario procedere uniti, a prescindere dalle appartenenze politiche
”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sezze, prostituzione minorile: 50enne fa sesso con una ragazzina pagando la madre

  • Straordinaria scoperta a Priverno: scheletri e sepolture di epoca medievale

  • Lavori sulle condotta idrica, Latina senza acqua giovedì 12 settembre

  • Garage a fuoco in via Geminiani: evacuato un palazzo. Intossicati alcuni residenti

  • Incidente sul lavoro a via Monti, lesioni compatibili con la caduta dal ponteggio

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento