Acqualatina a Ventotene: dissalatore e nuovo sistema fognario e di depurazione

Dieci milioni di euro di investimenti, per una svolta epocale del servizio idrico integrato sull'isola. Lo annuncia la società, che è al lavoro per rinnovare il servizio e garantire acqua potabile prima dell'estate

Dieci milioni di euro di investimenti, per una svolta epocale del servizio idrico integrato sull’isola di Ventotene.

L’annuncio è della società Acqualatina, che è al lavoro sull’isola per rinnovare il servizio. Nei giorni scorsi il Consiglio di Stato ha accolto l’appello presentato dagli avvocati di Acqualatina e c’è ora il via libera allo sblocco dei lavori, con il proposito di poter attivare il dissalatore mobile  (skid) per garantire l’acqua potabile addirittura prima dell’estate.

“Verrà, così, garantita a Ventotene un’autonomia mai avuta nella storia – spiega la società in una nota - con la completa indipendenza dalle navi-cisterna per il trasporto dell’acqua che hanno sempre rappresentato l’unica fonte di approvvigionamento idrico dell’isola”. L’ultimazione dei lavori è prevista per la fine di giugno: la posa in opera dello skid consentirà di anticipare la realizzazione e la messa in funzione di strutture che verranno poi utilizzate dall'impianto di dissalazione definitivo, che richiederà un investimento di circa 7 milioni di euro.

Le novità per la depurazione e il sistema fognario riguarderanno invece il depuratore in località Faro che prima di Acqualatina era completamente inutizzabile. “L’obiettivo finale dei lavori, però, è ben più ambizioso – spiega ancora Acqualatina - trasformare il depuratore in un impianto innovativo, al pari di quanto già fatto con le strutture di altri comuni dell’Ato4, grazie anche all’utilizzo di tecnologie di ultima generazione, come la cosiddetta Mbr (Membrane Bio Reactor), in grado di fornire più elevate performance di trattamento. Il completo rinnovamento del sistema fognario e depurativo richiederà un investimento totale di oltre 2 milioni di euro”.

Sia l’impianto di depurazione che il dissalatore, inoltre, verranno dotati anche di sofisticati sistemi di telecontrollo, in modo da ottimizzarne la funzionalità e facilitare la gestione di eventuali situazioni di emergenza. Contestualmente la società lavorerà anche all’ammodernamento della rete idrica e fognaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fase 2, arriva l'ordinanza per le spiagge: si apre il 29 maggio. Ecco le regole

  • Chiede la mascherina al datore di lavoro: licenziato, picchiato e poi gettato in un canale

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Coronavirus, tre nuovi casi in provincia: tutti relativi al cluster di Priverno

  • Fase 2, la nuova ordinanza nel Lazio: dal 25 maggio riaprono le palestre, dal 29 gli stabilimenti

Torna su
LatinaToday è in caricamento