Terrore in via Giustiniano, aggredisce e minaccia i passanti con una catena

I fatti in pieno giorno nei pressi del tribunale di Latina. Polizia allertata dai passanti impauriti dall'uomo di 35 anni che li minacciava brandendo una catena lunga circa 1 metro e chiusa con un grosso lucchetto. Arrestato

Il materiale sequestrato dalla polizia

Ha seminato il panico nella zona di via Giustiniano, aggredendo e minacciando i passanti con una catena.

Momenti di panico nella tarda mattinata di ieri nei pressi del tribunale di Latina dove si è reso necessario l’intervento della Divisione Polizia Anticrimine per portare la situazione alla normalità.

Numerose le chiamate al 113 per far intervenire la polizia e bloccare l’uomo,un cittadino di nazionalità romena di 35 anni, che brandendo una catena lunga circa 1 metro e chiusa con un grosso lucchetto, minacciava i passanti scagliando in terra anche una bottiglia di vetro andata in mille pezzi, fortunatamente senza ferire nessuno.

Nonostante la forte resistenza, gli agenti sono riusciti a bloccare l’uomo accompagnato poi in Questura per l’identificazione. All’interno dello zainetto che il 35enne portava con sé sono stati trovati anche due coltelli da cucina, un paio di forbici ed una maschera, posti sotto sequestro insieme alla catena.

L’uomo è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e denunciato per porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere e lancio pericoloso di cose.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due giovani fermati in auto, i parenti raggiungono la Questura e protestano: un agente ferito

  • Truffe, ecco come raggiravano gli anziani: la telefonata tra una vittima e l'indagato

  • Latina, due rapine in un'ora: colpiti un alimentari e un tabaccaio. Pestaggio al titolare

  • Vincenzo Rosato perde la vita in un incidente a Pomezia, cordoglio per la morte del medico

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

  • Ferma una giovane, tenta di rubarle l’auto e la picchia: arrestato un 28enne

Torna su
LatinaToday è in caricamento