Colpito con un macete, degenera diverbio fra due automobilisti

Screzio scoppiato per problemi di viabilità tra due uomini a Brogo Grappa e concluso con un aggressione. Manette per un 55enne, denunciato anche per guida in stato di ebbrezza

Quello che all’apparenza sembrava un semplice diverbio fra due automobilisti in poco tempo si è trasformato in una vera e propria aggressione terminata a colpi di macete.

Problemi di viabilità e circolazione alla radice dell’alterco tra i due che alla fine a portato all’arresto di un uomo di 53 anni di Latina. Tanti e pesanti i capi di accusa che pendono su di lui, violenza privata aggravata, porto abusivo di armi, lesioni, minaccia aggravata e danneggiamento.

Scenario del violento episodio Borgo Grappa dove stanotte, intorno alle 00.30, fortunatamente è intervenuto un militare della locale stazione dei carabinieri in quel momento fuori servizio, successivamente aiutato anche dagli uomini del Norm – aliquota radiomobile di Latina.

Un diverbio come un altro che alla fine ha visto il 53enne, prima danneggiare con calci e pugni la portiera anteriore della vettura dell'altro automobilista – un uomo con dei precedenti penali alle spalle e sorvegliato speciale – e poi colpirlo al collo con un coltello di tipo macete la cui lama era lunga 37 centimetri.

Fortunatamente l’uomo aggredito ha riportato solo delle lievi lesioni, mentre il 53enne oltre ad essere finito in manette è stato denunciato anche per guida in stato di ebbrezza e si è visto ritirare la patente. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e corruzione: 34 arresti a Latina. Coinvolti due agenti della polizia penitenziaria

  • Droga e corruzione in carcere, i nomi dei 34 arrestati dell'operazione "Astice"

  • Astice e cocaina in carcere: in cambio di favori soldi e droga agli agenti corrotti

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chirurgo torna in ospedale e lo salva

  • Latina, giallo in via Sabaudia: trovato il cadavere di un uomo in auto

  • Corruzione in carcere, il detenuto parla dell'ispettore: "Quando vuole mangiare fallo mangiare subito"

Torna su
LatinaToday è in caricamento