Aggredisce e colpisce con una spranga il rivale in amore: nei guai 37enne di Minturno

La vittima un ragazzo residente nella Valle dei Santi. L’uomo identificato e denunciato dai carabinieri di Sant’Apollinare al termine degli accertamenti

Dopo aver saputo della presunta relazione che intratteneva con la moglie ha aggredito e colpito con una spranga di ferro il rivale in amore prima di aver sfogato tutta la sua rabbia anche contro l’auto di un parente della vittima: nei guai un uomo di 37 anni di Minturno che è stato denunciato dai carabinieri di Sant’Apollinare. 

L’aggressione

La vittima dell’aggressione è un 33enne residente nella Valle dei Santi contro il quale si è scagliato il pontino dopo che questi era venuto a conoscenza della presunta relazione che il giovane avrebbe avuto con sua moglie. Per questo, il 37enne, come riporta FrosinoneToday, ha deciso di recarsi presso l’abitazione del ragazzo minacciandolo di morte e colpendolo con una spranga di ferro, tanto da procurargli lesioni giudicate guaribili in giorni sei dai sanitari del pronto soccorso dell’ospedale di Cassino. Ma prima di andar via l'aggressore ha sfogato la sua rabbia infrangendo il parabrezza dell’autovettura di un parente della vittima parcheggiata nelle vicinanze.

La denuncia

Nonostante le ferite riportate e le minacce ricevute, la vittima, per timore di ripercussioni, non aveva formalizzato nessuna denuncia; al termine degli accertamenti e grazie anche al contributo di alcune testimonianze acquisite, i carabinieri sono riusciti ad indentificare l’aggressore denunciato alla Procura della Repubblica di Cassino per lesioni personali dolose e minaccia grave mediante arma impropria. Il 37enne veniva anche proposto per l’allontanamento con foglio di via obbligatorio, con divieto di ritorno in quel Comune per un periodo di anni tre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

Torna su
LatinaToday è in caricamento