Calcio, aggressione ai tifosi del Cassino: cinque Daspo per gli ultras del Latina

E' scattato il provvedimento del Questore a carico dei supporters nerazzurri ch il 20 gennaio scorso, prima della partita al Francioni, hanno picchiato i tifosi della squadra ospite

E’ stato emesso un provvedimento di Daspo per i cinque tifosi del Latina Calcio 1932 che sabato 20 gennaio, al Francioni, hanno tentato di aggredire quattro tifosi del Cassino in un bar vicino allo stadio. L’episodio è avvenuto poco prima dell’incontro tra il Latina e il Cassino Calcio, gara del campionato di serie D.

La ricostruzione dell'aggressione

Secondo la ricostruzione, un gruppo di tifosi nerazzurri, incappucciati e armati di bastone, si è diretto correndo verso il bar di fronte allo stadio dove erano presenti i supporters del Cassino. Uno degli aggressori, T.C., 29 anni, con il volto travisato da una bandana e un cappello, è entrato nel bar e ha chiesto se fossero presenti tifosi della squadra avversaria. Alla risposta affermativa, ha cominciato a spintonarli per farli uscire all’esterno del locale, aggredendoli con calci e pugni. Fuori dal bar aspettavano altri ultras del Latina che hanno aggredito gli ospiti mentre cercavano di scappare. Immediato l’intervento del personale della Digos e del gabinetto provinciale di polizia scientifica, impegnati nel servizio di ordine pubblica allo stadio, che hanno bloccato gli autori dell’aggressione mentre tentavano la fuga. I responsabili, B.A., 19 anni, B.C., 21 anni, C.C., 21 anni , Q.V., 30enne, appartenenti al gruppo locale ultras “Leone Alato”, sono stati condotti in Questura per accertamenti. Sono state poi analizzate le immagini riprese dalla polizia scientifica per verificare le precise responsabilità di ciascuno e al termine degli accertamenti i tifosi sono stati tutti denunciati alla Procura. Il bastone utilizzato per l’aggressione è stato sottoposto a sequestro.

Il provvedimento del Questore per i tifosi violenti

Le posizioni degli ultras sono state esaminate dalla Divisione Anticrimine  che ha predisposto i provvedimenti Daspo, vietando di accedere all’interno degli stadi e di tutti gli impianti sportivi nazionali  in cui si disputano incontri di calcio a qualsiasi livello agonistico, anche amichevoli e per finalità benefiche. I Daspo vanno da un minimo  di tre anni ad un massimo di cinque e sono stati  motivati  sulla pericolosità  che gli autori delle violenze hanno dimostrato. Nello stesso provvedimento il Questore ha inoltre imposto l’obbligo di  presentarsi, per due volte in Questura , ad ogni incontro che disputerà la squadra di calcio del Latina.  Il divieto assoluto di avvicinarsi agli impianti è operativo da due ore prima e fino ad un’ora dopo la conclusione dell’evento e se i tifosi violenti  tenteranno di avvinarsi allo stadio durante la prossima partita di calcio rischiano di essere  arrestati

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Operazione Commodo, la Cisl riunisce il Comitato esecutivo: "Siamo organizzazione pulita"

  • Cronaca

    Migranti sfruttati, lunedì in Tribunale gli interrogatori dei tre ai domiciliari

  • Cronaca

    Latina, banda di ladri fa esplodere il bancomat del Centro Le Torri

  • Cronaca

    Controlli a tappeto del Nas in ristoranti e locali: raffica di sequestri e attività chiuse

I più letti della settimana

  • Era in malattia per un infortunio, ma passeggiava e faceva la spesa: licenziato

  • Caporalato, arrestato il segretario provinciale di Fai Cisl. Sindacato: “Siamo sconcertati”

  • Caporalato: sgominata organizzazione. Coinvolto anche un sindacalista

  • Nonnismo, la denuncia dell'allieva Giulia contro la scuola di volo di Latina

  • Nonnismo a Latina, Samantha Cristoforetti "smonta" il caso: "Ecco il mio battesimo del volo"

  • Caporalato, operazione “Commodo” della Squadra Mobile: chi sono i sei arrestati

Torna su
LatinaToday è in caricamento