Aldo Forte: “Presto proposta di legge contro il gioco d’azzardo”

L'assessore regionale alle Politiche sociali e Famiglia interviene in merito alla vicenda dei due genitori che hanno abbandonato i figli in macchina per giocare alle slot machine

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

“Purtroppo non è il primo fatto di cronaca di questo tipo e temo che non sarà l’ultimo. Per questo motivo ho predisposto insieme ad altri colleghi una proposta di legge regionale da approvare nei prossimi giorni in giunta, con la quale intendiamo prevenire e contrastare il fenomeno della dipendenza da gioco compulsivo e porre un freno alla diffusione delle slot”.

Lo dichiara in una nota l’assessore alle Politiche sociali e Famiglia della Regione Lazio, Aldo Forte, in merito all’abbandono all’interno di un auto incustodita di due bambini di 5 e 9 anni da parte di una coppia di coniugi intenta a giocare alle slot machine.

“È la prova di come il gioco sia una dipendenza pericolosa, - aggiunge Forte – non solo per l’individuo che ne soffre, ma anche per le persone che lo circondano. Il gioco compulsivo, infatti, può costituire una minaccia per la stabilità economica della famiglia. E, come nel caso dei genitori di Latina, può avere ripercussioni sulla sicurezza e sulla incolumità dei minori”.

“Bisogna diffondere la giusta sensibilizzazione sul problema – continua –. Ancor più in un momento di crisi, nel quale purtroppo con troppa leggerezza, anche al cinema, continua a passare il messaggio che vincere al gioco è facile. Ma la vita non è una scommessa e a causa del gioco si rischia di perdere denaro, affetti e contatto con la realtà”.

Torna su
LatinaToday è in caricamento