Rapina il Mc Donald's con un cacciavite e sradica la cassa, arrestato dai carabinieri

L'uomo è stato rintracciato ad un mese dal colpo messo a segno ad Aprilia. Interrogato dal gip è rimasto in silenzio

E’ stato individuato e arrestato dopo oltre un mese l’uomo che nella notte tra il 27 e il 28 novembre scorsi, armato di cacciavite, ha messo a segno una rapina ai danni del Mc Donald’s di via Mascagni ad Aprilia.

Massimiliano Vernini, 50 anni, si era presentato presso l’esercizio commerciale e aveva minacciato con il cacciavite il dipendente che in quel momento si trovava all’interno del ristorante per farsi consegnare il denaro. Alla risposta di quest’ultimo di non essere in grado di aprire la cassa il rapinatore aveva letteralmente sradicato la cassa e si era impossessato del contenuto, 550 euro in contanti per poi darsi alla fuga.  Le indagini dei carabinieri di Aprilia hanno portato a identificarlo grazie alle riprese delle telecamere della videosorveglianza e al riconoscimento fotografico di un paio di persone.

Ieri l’arresto per rapina aggravata da parte dei militari dell'Arma su ordinanza di custodia cautelare firmata dal giudice per le indagini preliminari Giuseppe Cario mentre questa mattina Vernini, sul quale pesa una recidiva specifica infraquinquennale, è stato interrogato in carcere a Latina. Davanti al gip Giorgia Castriota l’uomo, assistito dall’avvocato Alfonso Falcone, si è avvalso della facoltà di non rispondere e resta in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso al Senato, 30 posti da assistente parlamentare: come candidarsi

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

  • Preso con 30 chili di droga confessa al giudice: "La trasportavo per conto di altre persone"

  • Maxi furto in gioielleria con la figlia: arrestata ladra seriale ricercata dalla polizia

  • In auto con 30 chili di droga: corriere fermato a Terracina e arrestato

  • Processo Arpalo, in una pen drive le prove del riciclaggio di denaro di Maietta e soci

Torna su
LatinaToday è in caricamento