Revocata la sospensione: Armando Cusani torna a fare il sindaco di Sperlonga

Il primo cittadino, sospeso per effetto della legge Severino dopo l'arresto di gennaio scorso nell'ambito dell'operazione Tiberio, è tornato in libertà e può riprendere tecnicamente riprendere il suo incarico

Tecnicamente Armando Cusani può tornare a fare il sindaco di Sperlonga. Lo ha comunicato la Prefettura di Latina in applicazione della legge Severino che prevede la sospensione dell carica elettorale solo in casi di custudia cautelare in carcere o ai domiciliari e in caso di divieto di dimora nella sede in cui si esercita il mandato. Cusani era tornato in libertà il 14 settembre scorso, dopo la decisione del tribunale di Latina che aveva revocato i domiciliari disponendo per il primo cittadino solo l’obbligo di firma. Ora dunque potrà riprendere a tutti gli effetti il suo incarico di sindaco del Comune di Sperlonga. Prima dell’arresto nell’ambito dell’operazione Tiberio, Cusani era però già stato sospeso due volte nel 2014, per effetto della stessa legge Severino, quando era presidente della Provincia. La prima volta per la vicenda relativa all’inchiesa sull’ampliamento dell’Hotel Grotte di Tiberio e poi per una condanna per abuso d’ufficio.

Trascorso il termine della sospensione, si era nuovamente candidato alle amministrative di Sperlonga diventando di nuovo sindaco. A gennaio scorso, con l’arresto in carcere, era stato di nuovo sospeso.

A sollevare dubbi sulla vicenda è però il senatore del Pd Claudio Moscardelli: "Incompatibile – dice - il ruolo di sindaco di Armando Cusani a Sperlonga, con il Comune costituito parte civile contro lo stesso Cusani. Intervenga il Ministro dell'Interno, presenterò una interrogazione a riguardo".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Gaeta, anziana presa a calci e pugni sull'autobus: denunciato l'aggressore

  • Cronaca

    Controlli a tappeto della polizia stradale: multe e sequestri per mancata assicurazione

  • Cronaca

    Banda dei furti in villa, la Procura dice no agli arresti domiciliari

  • Cronaca

    Ruba energia elettrica dal contatore del condominio: finisce agli arresti

I più letti della settimana

  • Polizia in zona pub, rifiuta il drug test e chiama il suo avvocato: lui arriva ubriaco

  • Carni invase dalla muffa nella cella frigorifera: caseificio aziendale chiuso dai Nas

  • Traffico illecito di rifiuti: sottratti a Roma e rivenduti al centro rottami di Cisterna

  • Pestaggio in strada: vittima un 28enne di Latina. Caccia agli aggressori

  • Latina, rivoluzione al Goretti: ecco il laboratorio di analisi del futuro

  • Provocò un incidente mortale sulla Pontina, condannato a due anni

Torna su
LatinaToday è in caricamento