Agenti della penitenziaria arrestati, Spp: “Pene severissime se accertate responsabilità”

L’intervento del sindacato dopo le operazioni Astice e Petrus: “Intensificare l'attività investigativa in carcere, con più uomini e strumenti”

“Se risulteranno accertate le gravissime responsabilità attualmente addebitate a due uomini del personale di polizia penitenziaria, noi auspichiamo pene severissime, persino più severe rispetto agli altri detenuti e non che, a vario titolo, sono coinvolti”. Ad intervenire dopo le operazioni Astice e Petrus dei carabinieri che ieri hanno portato all’arresto di 34 persone, tra cui i due poliziotti penitenziari, è Aldo Di Giacomo, segretario generale del Sindacato di Polizia Penitenziaria S.PP.. 

“I due (un agente e un ispettore) - aggiunge Di Giacomo - con il loro comportamento hanno messo a rischio la vita dei colleghi oltre a macchiare, in maniera indelebile, la gloriosa divisa indossata”. 

Per il segretario del S.PP. “va evidenziato che la complessa e lunga operazione è stata possibile grazie al supporto investigativo di tutto il Corpo della Polizia Penitenziaria presente nel carcere di Latina, a testimonianza che non possono essere certamente due ‘mele marce’ a mettere semplicemente in discussione l'impegno, il sacrificio, la passione e il servizio di tutto il Corpo. Senza questa preziosissima attività investigativa all'interno dell'istituto penitenziario carabinieri e magistrati non avrebbero raggiunto i risultati ottenuti per stroncare il traffico di stupefacenti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Siamo di fronte – continua Di Giacomo - all'ennesima testimonianza di quanto ripetiamo da tempo al Ministero e all'Amministrazione Penitenziaria: intensificare l'attività investigativa in carcere, con più uomini e strumenti, è fondamentale per contrastare la criminalità che opera fuori le celle e, purtroppo, continua a farlo spesso anche dentro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sperlonga, tromba d'aria si abbatte sul litorale: danni agli stabilimenti

  • Presi con 22 chili di cocaina nel camion della frutta: "Non sapevamo nulla"

  • Coronavirus, due nuovi casi in provincia: positivi a Latina ed Aprilia

  • Coronavirus: un nuovo caso in provincia. Rilevati in aeroporto 36 positivi dal Bangladesh

  • Coronavirus, 14 casi nel Lazio. Regione: “A Terracina positivo un uomo del Bangladesh”

  • Lutto nell'Arma: stroncato da un malore un luogotenente dei carabinieri del Nas di Latina

Torna su
LatinaToday è in caricamento