Furti di rame, smantellata banda che operava anche a Latina

Arresti nel capoluogo pontino per l'operazione condotta dai carabinieri di Caserta. L'organizzazione malavitosa rivendeva grande quantità del metallo nel mercato nero

Rubavano rame per poi rivenderlo e guadagnare forti somme dalla ricettazione del materiale trafugato. La rete di ladri specializzati in rame è stata però smantellata questa mattina da un’operazione condotta dai carabinieri di Caserta, che stanno eseguendo decine di arresti tra le province di Napoli, Latina, Perugia, Cosenza e della stessa Caserta.

L’organizzazione criminale, formata da più bande di cittadini romeni, è stata sgominata grazie all’indagine portata avanti dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. All’operazione hanno partecipato anche i carabinieri della compagnia del comune in provincia di Caserta e della stazione di Grazzanise.

I ladri di rame, un materiale particolarmente pregiato e quindi costoso, immettevano il metallo rubato sul mercato illecito. Le indagini hanno permesso di definire l'intero organigramma del sodalizio e di far luce su decine di furti di rame che negli ultimi mesi hanno causato danni a società pubbliche e private per diversi milioni di euro.

Un aumento dei furti di rame era stato registrato negli ultimi anni sulla linea ferroviaria Napoli-Roma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Daniele Nardi: a un anno dalla scomparsa la moglie racconta l'impresa sul Nanga Parbat

  • Incidente sulla Pontina: perde il controllo dell’auto, muore un uomo di 39 anni

  • Coronavirus, Comune di Sezze: “Due pullman in arrivo da Venezia. Situazione monitorata”

  • Coronavirus, Regione: “Scuole chiuse nel Lazio e manifestazioni pubbliche vietate? Fake news”

  • Sette etti di cocaina e un revolver nascosti in casa: blitz e arresto della squadra mobile

  • Camionista di Sezze denunciato dai carabinieri a Pordenone: guidava in stato di ebbrezza

Torna su
LatinaToday è in caricamento