Asl, Simeone critico su Caporossi. Regione: “polemiche pretestuose”

Il consigliere regionale di Forza Italia sull'ex dg: "ora i cittadini meritano di più". Dalla Pisana: "Nessuna fuga, dimostrazione che è stata messa a disposizione una delle migliori risorse presenti in Italia"

Sull'addio del direttore generale alla Asl di Latina, interviene la politica. “L’addio dell’attuale manager della Asl di Latina, Michele Caporossi, è uno schiaffo alla nostra provincia. E’ l’ennesima dimostrazione di come questo territorio sia considerato alla stregua di una terra di conquista, da depredare e abbandonare in macerie”

Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Forza Italia Pino Simeone.

E’ il segnale del fatto che in un settore delicato come la sanità sia arrivato il momento di dire basta a orde di mercenari che assumono incarichi fondamentali, in termini di organizzazione e gestione di servizi vitali per i cittadini, non per dare un contributo, non per migliorare l’esistente ma solo in attesa di qualcosa di più redditizio.

Non fa specie in questo senso il manager della Asl di Latina che accettando il nuovo incarico ad Ancona ha solo dimostrato di non aver avuto mai interesse a lavorare, e i risultati ne sono testimoni, per il futuro della sanità nella nostra provincia.

E al danno si aggiunge la beffa. Perché chi sostituirà Caporossi dovrà ricominciare tutto dall’inizio a meno che, da parte del presidente Zingaretti, non arrivi almeno questa volta una decisione davvero rivoluzionaria.

Il presidente della Regione non può non prendere atto di quanto accaduto. Ha il dovere, verso le comunità che rappresentiamo, di dare alla Asl di Latina una guida stabile. E lo può fare solo scegliendo tra i tantissimi professionisti che questo territorio lo conoscono e lo vivono.

Professionisti che conoscono i limiti, le potenzialità e le eccellenze, di un settore che grazie a Caporossi e Zingaretti si sta disperdendo nell’inerzia e nell’assenza di scelte mirate. Non siamo ipocriti. Abbiamo sempre contestato le decisioni assunte da Caporossi.

Il nostro non è un rammarico ma è voglia di rivendicare l’autonomia decisionale di un territorio che non deve più essere consegnato a mercenari interessati a tutto tranne che al bene dei cittadini. Zingaretti rifletta questa volta perché la provincia di Latina non è in vendita”.

La nota della Regione difende l’operato dell’ex manager della Asl.

La nomina di Michele Caporossi a Direttore Generale dell’Azienda Ospedali Riuniti di Ancona è il risultato del buon lavoro svolto per quasi due anni alla guida della Asl di Latina.

Non c’è stata nessuna fuga, al contrario il nuovo incarico affidato a Caporossi dalla Regione Marche è la dimostrazione che la Giunta Zingaretti ha messo a disposizione del territorio pontino una delle migliori risorse presenti in Italia.

Appaiono dunque pretestuose le polemiche in atto da parte di quanti fino a pochi giorni fa ne criticavano aspramente l’operato in qualità di Direttore Generale della Asl di Latina.  

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Spari in pieno centro a Latina, denunciato dalla polizia un giovane di 23 anni

    • Incidenti stradali

      Incidente in via Congiunte sinistre, auto nel canale. Quattro feriti

    • Sport

      Latina calcio, i curatori fallimentari Loreti e Pietricola: "Cinque esperimenti di asta ad aprile"

    • Cronaca

      Spari nella notte contro la vetrina di un negozio in Corso Italia

    I più letti della settimana

    • Omicidio a Terracina: cadavere incaprettato e incappucciato

    • Omicidio a Terracina, conclusa l'autopsia sul corpo della vittima

    • Omicidio a Terracina: si scava nella vita privata della vittima

    • Incidente sulla Nettunense ad Anzio, muore un giovane studente. Cordoglio anche a Latina

    • Spari in aria in pieno centro a Latina, paura nei pressi della Facoltà di Medicina

    • Addio a Gino Lantieri, Latina piange la morte dello storico fondatore de “Il Maresciallo”

    Torna su
    LatinaToday è in caricamento