Alla guida senza assicurazione, 362 mezzi sequestrati in 10 mesi

Operazione anche nella provincia di Latina dove i numeri relativi a questo tipo di reato dall'inizio dell'anno sono cresciuti sensibilmente. Controllati anche gli autodemolitori; scoperti diversi casi di ricettazione

Maxi blitz della Polizia Stradale volto a contrastare illeciti nel settore assicurativo e nel campo delle attività di autodemolizione che ha interessato anche la provincia pontina, dove dall’inizio dell’anno sono stati sequestrati 362 veicoli.

Si tratta spiegano dalla polizia stradale di “un’attività di contrasto e repressione che si prefigge di mantenere alta la percezione di incisività degli organi della Polizia di Stato contro tutti quei comportamenti di guida considerati particolarmente gravi per la società, come appunto circolare con tagliando assicurativo falso ovvero sprovvisti di assicurazione”.

Come detto dall’inizio del 2013 ad oggi, nel territorio pontino sono stati 362 i veicoli sequestrati perché circolavano sprovvisti di assicurazione per la responsabilità civile, di cui soltanto 22 “regolarizzati” con il pagamento in misura ridotta per effetto della riattivazione della polizza assicurativa risultata scaduta da non oltre i 30 giorni, mentre in 9 casi sono stati scoperti certificati o contrassegni assicurativi risultati falsi; in alcune di queste ipotesi sono state avviate indagini giudiziarie sui fornitori della documentazione sequestrata.

Un dato quello relativo alla provincia pontina in notevole crescita nell’ultimo periodo. Ma non sono certo più confortanti quelli a livello nazionale, nell’ambito delle attività di controllo agli autodemolitori: su 63 esercizi controllati, sono stati riscontrati un centinaio di illeciti, 30 dei quali di natura penale. Il blitz nel settore ha portato a 2 arresti e 13 denunce: la ricettazione è stato il reato più frequentemente contestato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’attività criminale ed il modus operandi posti in essere dagli indagati consisteva essenzialmente nel ricettare veicoli provento di furti – spiega la polizia stradale -; successivamente i mezzi, anziché essere ceduti integri, venivano riciclati mediante commercializzazione dei singoli pezzi, abilmente smontati, in modo da rendere più difficoltoso risalire alla loro provenienza. 5 attività sono poi risultate del tutto abusive e, pertanto, i rispettivi gestori sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria e le strutture immediatamente sequestrate con apposizione di sigilli”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco la prima mascherina senza elastici: l’idea di un giovane di Priverno

  • Aperte anche le spiagge libere, ecco le regole: bagno fino alle 19 e distanze di sicurezza

  • Coronavirus: nel Lazio 21 nuovi casi, in provincia 544 contagi totali

  • Coronavirus: nuovi contagi distribuiti nei comuni di Latina, Maenza, Priverno e Cisterna

  • Stagione balneare al via, si torna al mare anche a Sabaudia: tutte le regole e i divieti

  • Coronavirus: nel Lazio solo 12 nuovi contagi, in provincia le vittime salgono a 35

Torna su
LatinaToday è in caricamento