Attentato Brindisi, Latina sconvolta in piazza dopo la tragedia

Centinaia le persone che si sono riunite in piazza del Popolo; fiaccolata di Libera il 23 maggio a Pontinia. Bandiere a mezz'asta al Comune e presidio delle istituzioni a Borgo Faiti

L'ingresso della scuola Morvillo-Falcone di Brindisi dopo l'esplosione delle bombe (foto di Antonio Quarta, fonte lecceprima.it)

È ancora forte lo sgomento e l’incredulità per quanto successo nella mattinata di ieri a Brindisi. Sono passate 24 ore ma l'indignazione mista a tristezza e dolore non lascia tregua.

Tre bombole di gas sono state fatte esplodere davanti l’ingresso della scuola Morvillo-Falcone e una giovanissima ragazza, Melissa Bassi, ha perso la vita mentre altre 5 sue compagne di scuola sono rimaste gravemente ferite.

Lo sdegno per un gesto vile non si placa in un Paese ancora una volta sotto sconvolto da una strage.

Anche la provincia pontina ieri ha espresso e manifestato il suo cordoglio. Nata spontaneamente su facebook alle 19 di ieri pomeriggio in piazza del Popolo si è tenuta una veglia di solidarietà.

Protagonisti soprattutto i giovani; proprio loro sono le vittime di quanto successo ieri a Brindisi e proprio loro vogliono far sentire la loro voce. Perchè tanto dolore? Perchè tanta violenza? Queste le domande a cui nessuno può ancora dare una risposta.

Attiva anche Libera nell’ore immediate al violento e deprecabile episodio. Proprio nella città pugliese ieri doveva fare tappa la Carovana della Legalità Partita da Latina nell’aprile scorso. E mercoledì 23 maggio, in occasione del ventesimo anniversario della Strage di Capaci in cui perse tragicamente la vita il giudice Giovanni Falcone insieme alla moglie Francesca Morvillo e alla sua scorta, Pontinia farà da scenografia ad una fiaccolata di solidarietà organizzata dall’associazione che lotta contro tutte le mafie.

“Non possono esserci parole per la tragedia, l’orrore, la rabbia, per il sangue innocente che ancora una volta viene versato nel nostro Paese. L’indignazione non basta più – si legge in una nota di Libera -. Mercoledì 23 maggio alle ore 20.30 era prevista a Pontinia una fiaccolata per ricordare le stragi di Palermo. Stragi che nel nostro Paese non sono finite. La fiaccolata si terrà non solo per ricordare”.

“Libera a livello provinciale invita tutti i cittadini dei comuni, la chiesa, le istituzioni, i sindaci, le forze dell’ordine a partecipare alla fiaccolata di Pontinia, come iniziativa provinciale. Il raduno del corteo è previsto per le 19.30 davanti la chiesa di Sant’Anna. Diamo una risposta, come cittadini di questa regione prima con la fiaccolata, poi con l’impegno”.

LE ISTITUZIONI – E oltre alla manifestazione spontanea dei cittadini in piazza del Popolo, ieri Latina ha risposto alla tragedia di Brindisi con un altro raduno delle istituzioni che hanno scelto per l’incontro un luogo carico di significato e di valore simbolico: la scuola di Borgo Faiti intitolata a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Alle 19.30 gli assessori e tutti i consiglieri comunali di ogni schieramento si sono riuniti per un forte momento di solidarietà; bandiere a mezz’asta al Comune di Latina nella giornata di ieri e di oggi.

“Quanto è accaduto a Brindisi è sconvolgente e ci lascia davvero senza parole – ha afferma il sindaco di LAtina Giovanni Di Giorgi -. A nome personale, dell’amministrazione comunale e dell’intera città di Latina, mi unisco al dolore dei familiari e della città di Brindisi, così duramente colpita da una violenza cieca e inaudita che richiede una risposta pronta e di grande fermezza da parte di tutti. Si tratta di una tragedia sconvolgente, che tocca da vicino le nostre coscienze e che cade a pochi giorni dell’anniversario della strage di Capaci in cui morì Giovanni Falcone. Questa circostanza, legata al fatto che la scuola di Brindisi colpita dall’attentato di oggi è intitolata alla moglie di Falcone, Francesca Morvillo, ci induce a una nuova, ferma condanna di ogni forma di violenza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In questo particolare momento di dolore tutte le istituzioni sono a chiamate a grande responsabilità. L’amministrazione comunale è impegnata contro ogni forma di violenza e azione criminale – afferma il presidente del Consiglio Calandrini - Nei giorni scorsi abbiamo tenuto un Consiglio monotematico sulla sicurezza in seguito al quale il sindaco ha chiesto la convocazione del Comitato per l’ordine e la sicurezza. Insieme al cordoglio alle famiglie coinvolte occorre una ferma condanna per un gesto barbaro e vile, e anche una pronta reazione da parte di tutte le forze sane della società”    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco la prima mascherina senza elastici: l’idea di un giovane di Priverno

  • Aperte anche le spiagge libere, ecco le regole: bagno fino alle 19 e distanze di sicurezza

  • Coronavirus: nel Lazio 21 nuovi casi, in provincia 544 contagi totali

  • Coronavirus: nuovi contagi distribuiti nei comuni di Latina, Maenza, Priverno e Cisterna

  • Stagione balneare al via, si torna al mare anche a Sabaudia: tutte le regole e i divieti

  • Coronavirus: nel Lazio solo 12 nuovi contagi, in provincia le vittime salgono a 35

Torna su
LatinaToday è in caricamento