Sfruttamento del lavoro in agricoltura: la Giunta Zingaretti approva una proposta di legge

Quattro gli ambiti di intervento: dalla presenza di mediatori culturali multilingue ai trasporti gratuiti. Il presidente: "Colpire i crimini farà bene all'economia"

Una proposta di legge regionale sul caporalato in agricoltura è stata votata dalla Giunta Zingaretti. Si tratta di una proposta finalizzata al contrastro e all'emersione del lavoro non regolare nel settore agricolo, che avrà quattro ambiti principali di intervento: trasporti gratuiti per evitare situazioni di contatto e ingaggio tra caporali e manodopera; elenchi di prenotazione nei centri per l'impiego del Lazio per facilitare la domana e l'offerta di lavoro con un sistema informatico dedicato; mediatori multilingua per affiancare i braccianti stranieri nelle procedure burocratiche e nei rapporti con i servizi e le istituzioni; indici di congruità che consentiranno di individuare criteri oggettivi per definire il fabbisogno di manodopera di ogni impresa e il tipo di produzione. Gli indici dovranno essere elaborati con le organizzazioni sindacali e datoriali più rappresentative del comparto e grazie alla collaborazione con università e organi ispettivi competenti. Si tratta di uno strumento innovativo per il contrasto del lavoro nero che garantisce la corretta concorrenza nel mercato agricolo.

Il commento del presidente Zingaretti

“Vogliamo sconfiggere il caporalato - spiega il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti - e per farlo mettiamo in campo delle regole per prevenire l’illegalità di questo fenomeno che sempre più spesso produce schiavismo. Dobbiamo rendere questo lavoro più trasparente, creando le premesse per una facile individuazione delle irregolarità, per aiutare un corretto incontro tra domanda e offerta e per sostenere le aziende sane. Altrimenti si determina un damping sociale perché quando si abbassano la dignità e la qualità del lavoro sono sempre le fasce sociali più deboli a pagarne il prezzo. Invece, colpire chi produce crimini è un elemento che farà bene all'economia di tutto il Lazio”.

Nel Lazio oltre 10mila persone sfruttate

“I lavoratori in nero individuati nel Lazio sono un quarto del totale che si registra a livello nazionale – ricorda l’assessore al Lavoro e Nuovi diritti Claudio Di Berardino -  questo significa che nel nostro territorio sono oltre 10 mila le persone sfruttate, che lavorano senza regole e senza diritti. E’ una battaglia di civiltà quella che stiamo compiendo, iniziata mesi fa e che ha portato, l’8 gennaio di quest’ano, alla firma di un Protocollo d’intesa con sindacati e parti datoriali. Tra gli obiettivi di quell’intesa vi era proprio l’emanazione di una legge regionale, alla quale contiamo di arrivare col contributo di tutti gli attori del settore”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un osservatorio regionale

“Una proposta di legge importante – dichiara l'assessore all’Agricoltura, Enrica Onorati – per contrastare il caporalato con risorse economiche e regole certe, che garantiscono la qualità del lavoro, dei prodotti e delle imprese, permettendo inoltre di analizzare il fenomeno del lavoro in agricoltura, del costo del lavoro e del mercato dei prezzi dei prodotti agricoli, attraverso un Osservatorio regionale dedicato. Auspico che così come previsto nella proposta, possa trovare uno spazio il tema fondamentale della formazione in agricoltura, che eleva il lavoro, riconoscendo le maestranze e mettendole a beneficio del settore e della qualità dei percorsi lavorativi. Garantire un lavoro regolare e di qualità deve anche significare produrre prodotti agricoli sicuri, di qualità e con il giusto prezzo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fase 2, arriva l'ordinanza per le spiagge: si apre il 29 maggio. Ecco le regole

  • Chiede la mascherina al datore di lavoro: licenziato, picchiato e poi gettato in un canale

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Coronavirus, tre nuovi casi in provincia: tutti relativi al cluster di Priverno

  • Fase 2, la nuova ordinanza nel Lazio: dal 25 maggio riaprono le palestre, dal 29 gli stabilimenti

Torna su
LatinaToday è in caricamento