Cisterna, furti in serie sulle auto parcheggiate alla stazione: arrestata una minorenne

Per l'episodio, avvenuto il 17 settembre, era già stata fermata anche l'amica di 18 anni. Entrambe avevano infranto i vetri di otto vetture

Furti in serie su alcune auto parcheggiate nei pressi della stazione ferroviaria di Cisterna. L'episodio risale al 17 settembre scorso e nell'occasione era già stata arrestata dai carabinieri una ragazza di 18 anni. Ora un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal tribunale di Roma è stata eseguita dai militari anche a carico di una ragazzina ancora minorenne, ritenuta responsabile insieme all'amica di furti sulle auto in sosta. 

La giovane è stata rintracciata e arrestata dai carabinieri della stazione di Cisterna e dai militari del Norm di Aprilia. Nel pomeriggio di martedì scorso le due giovanissime avevano infranto i vetri di almeno otto vetture parcheggiate, per rubare all'interno dell'abitacolo. Una di loro è stata immediatamente sorpresa e arrestata. 

La minorenne invece è stata trasferita ieri, 19 settembre, in un istituto penale per minori di Roma. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente nella notte sull'Appia, un morto e due feriti gravissimi

  • Coronavirus: un nuovo caso in provincia. Rilevati in aeroporto 36 positivi dal Bangladesh

  • Coronavirus, 14 casi nel Lazio. Regione: “A Terracina positivo un uomo del Bangladesh”

  • Coronavirus: nel Lazio 920 casi, 19 in più rispetto a ieri e 709 persone in isolamento domiciliare

  • Coronavirus, quattro nuovi casi positivi a Formia. L'annuncio del sindaco

  • Coronavirus Latina: i contagi crescono ancora, tre nuovi casi in provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento