Maltrattamenti sul padre, l'uomo nega tutto davanti al giudice

Interrogato questa mattina il 47enne di Cisterna finito agli arresti domiciliari anche per rapina e estorsione

Il gip Mario La Rosa

E’ stato interrogato questa mattina in Tribunale e ha negato tutte le accuse Massimiliano Abbruzzese, il 47enne di Cisterna finito agli arresti domiciliari per maltrattamenti nei confronti del padre, estorsione e rapina.

L’uomo, assistito dall’avvocato Francesca Giuffrida, è stato ascoltato dal giudice per le indagini preliminari Mario La Rosa e ha spiegato che il genitore non è particolarmente lucido e che assume alcuni farmaci ma ha negato di averlo mai picchiato. La difesa ha anche depositato certificazione medica per dimostrare come Abbruzzese non è tossicodipendente come ha invece raccontato l’anziano padre nella sua denuncia.  

Quest’ultimo era stato trovato in lacrime in un bar di Cisterna dagli agenti del Commissariato e aveva accusato il figlio di costringerlo a consegnarli soldi sotto minaccia, di averlo picchiato con pugni e calci, addirittura di avergli puntato alla gola un forchettone e di avere distrutto il televisore e alcuni mobili di casa in un attacco di ira. Per ora il 46enne rimane agli arresti domiciliari.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso per lavorare in Senato: come candidarsi

  • Torna l’ora solare: lancette dell’orologio indietro, ecco quando spostarle

  • Ritrovato alla stazione Termini Valerio Federici, era scomparso da Aprilia il 15 ottobre

  • Aprilia, scomparso da casa Valerio Federici: l'appello per ritrovarlo

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

  • Maxi frode con auto di lusso, l'operazione tocca Latina: un arresto a Terracina

Torna su
LatinaToday è in caricamento