Cisternone romano a Formia, apertura straordinaria ogni prima domenica del mese

L’amministrazione comunale ha aderito all’iniziativa “Domenica al Museo”, la campagna promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo per favorire l’apertura dei siti di interesse culturale proprietà dello Stato

Apertura straordinaria ogni prima domenica del mese per il Cisternone romano a Formia.

L’amministrazione comunale, infatti, ha aderito all’iniziativa “Domenica al Museo”, la campagna promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo per favorire l’apertura dei siti di interesse culturale proprietà dello Stato.

Ogni prima domenica del mese sarà quindi garantita l’apertura straordinaria del Cisternone romano di Castellone con visite guidate gratuite effettuate dall’Atp Calliope.

La visita al Cisternone romano è un’esperienza fuori dal comune che va garantita ad un pubblico sempre più ampio: da qui la decisione di aderire all’iniziativa “Domenica al Museo, un’occasione per promuovere il sito.

L’appuntamento è dunque per la prima domenica di ogni mese con i seguenti orari:
- mattina: 10.30-12.30;
- pomeriggio: 16.30-19.30 (ultimo ingresso ore 19).

Ricordiamo che, da settembre ad aprile, il Cisternone è aperto in via ordinaria il sabato, la domenica e i giorni festivi dalle ore 16.30 alle 19.30. Biglietto intero: 2 euro. Ridotto (età compresa tra gli 11 e i 18 anni): 1 euro. Ingresso gratuito fino a 10 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Usura e spaccio, Antonio Di Silvio intercettato: "Io non sono uno zingaro come gli altri"

  • Usura, estorsione e spaccio: otto arresti. In carcere anche Antonio Di Silvio

  • Preso con due etti di cocaina dopo un inseguimento, in lacrime davanti al giudice

  • Cinque chili di droga nascosta nell’armadio, impossibile dimostrare che era sua: assolto

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

  • Dramma a Terracina: uomo si toglie la vita impiccandosi a un ponte

Torna su
LatinaToday è in caricamento