Preso con due chili di marijuana, patteggia una condanna a due anni e mezzo

Gioacchino Iazzetta era stato arrestato a Pontinia nel corso di un controllo. La droga era nascosta in auto

Ha scelto di patteggiare la pena Gioacchino Iazzetta, il 36enne di Pontina finito in carcere il 18 giugno scorso perché trovato in possesso di quasi due chili di marijuana

L’uomo, assistito dagli avvocati Giancarlo Vitelli e Oreste Palmieri è comparso questa mattina davanti al giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Latina Pierpaolo Bortone per rispondere di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti con l’aggravate dell’ingente quantità.

La difesa ha chiesto di poter patteggiare la pena, istanza accolta dal gip che ha condannato Iazzetta, attualmente agli arresti domiciliari, a due anni e mezzo di reclusione. Il 36enne era stato fermato a bordo della sua auto e all’interno della vettura erano state trovate due buste termosigillate contenenti un chilo e 940grammi di marijuana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Usura e spaccio, Antonio Di Silvio intercettato: "Io non sono uno zingaro come gli altri"

  • Usura, estorsione e spaccio: otto arresti. In carcere anche Antonio Di Silvio

  • Preso con due etti di cocaina dopo un inseguimento, in lacrime davanti al giudice

  • Cinque chili di droga nascosta nell’armadio, impossibile dimostrare che era sua: assolto

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

  • Dramma a Terracina: uomo si toglie la vita impiccandosi a un ponte

Torna su
LatinaToday è in caricamento