Formia, case confiscate alla camorra: andranno a famiglie in difficoltà

Consegnati all'amministrazione comunale 5 appartamenti confiscati negli anni scorsi ai Bardellino e che, dopo alcuni lavori di manutenzione, saranno assegnati a famiglie indigenti e in stato di emergenza abitativa

Comune di Formia

Case confiscate alla criminalità organizzata, e nello specifico alla famiglia Bardellino, tornano in possesso del Comune di Formia che provvederà ad assegnarle ad alcune famiglie con difficoltà.

Su richiesta dell’amministrazione comunale, l’Agenzia Nazionale dei Beni Sequestrati e Confiscati, infatti, ha attribuito al Comune di Formia la titolarità di cinque appartamenti confiscati nel 2008 alla famiglia Bardellino. La presa in consegna degli immobili è avvenuta questa mattina con la collaborazione di polizia, carabinieri, guardia di finanza e vigili urbani.

Si tratta di quattro appartamenti in via Unità d’Italia ed uno in via Anfiteatro che, una volta divenuti patrimonio comunale, saranno sottoposti a piccoli e necessari interventi di manutenzione, e poi immediatamente assegnati a famiglie indigenti e in stato di emergenza abitativa.

“Si tratterà di assegnazioni temporanee – ha chiarito il sindaco Sandro Bartolomeo nella conferenza stampa tenuta in Comune insieme al vicequestore Paolo Di Francia -, valide fino a quando gli assegnatari non troveranno una migliore sistemazione. L’obiettivo, secondo le regole fissate nel regolamento votato dal Consiglio Comunale, è di creare un pacchetto di stabili che il Comune utilizzerà di volta in volta per tamponare le situazioni di disagio più critiche.

Oggi stesso consegneremo tre dei cinque appartamenti per i quali abbiamo già provveduto a riallacciare acqua e corrente. Per gli altri serviranno prima degli interventi di manutenzione. Le tre famiglie che entreranno oggi – ha spiegato Bartolomeo – sono colpite da sfratti esecutivi e nei prossimi giorni potrebbero ritrovarsi senza un tetto.

E’ un grande risultato, testimonianza di quanto importante sia la collaborazione tra le Istituzioni. Ci sono altri due appartamenti confiscati presso lo stabile di via Unità d’Italia. “Presto li acquisiremo – fa sapere Bartolomeo – mentre per l’albergo Marina di Castellone, prima di inoltrare richiesta, dovremo attendere l’esito di un ultimo procedimento penale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Usura, estorsione e spaccio: otto arresti. In carcere anche Antonio Di Silvio

  • Banda dei furti seriali, l'accusa chiede condanne per oltre 57 anni di carcere

  • Usura e spaccio, Antonio Di Silvio intercettato: "Io non sono uno zingaro come gli altri"

  • Dramma a Terracina: uomo si toglie la vita impiccandosi a un ponte

  • Ordinano condizionatori e pagano solo l'acconto: la merce era in un deposito in provincia di Latina

  • Cambio medico ed esenzioni ticket: ora si farà in Comune

Torna su
LatinaToday è in caricamento