Consiglio comunale bloccato su Almirante, Coluzzi cita Hitler e scoppia il caos

Cade il numero legale e salta la decisione per la scelta dell'intitolazione di una strada a Giorgio Almirante. Cozzolino, Pd: "un atto gravissimo"

Critiche e malumori questa mattina nel corso del consiglio comunale che aveva come oggetto l’intitolazione di una strada del capoluogo a Giorgio Almirante.

Una proposta che aveva già scatenato un ampio dibattito che oggi è proseguito in piazza del Popolo dopo l’intervento del consigliere comunale di Forza Italia Giuseppe Coluzzi che ha citato una statua per Adolf Hitler, una frase che ha fatto non poco scaldare gli animi. Ma poi Coluzzi si scusa, parlando di “una provocazione”.

Un atto gravissimo, da denunciare immediatamente. Un consigliere comunale, durante una seduta ufficiale, non può proporre, anche se fosse solo una provocazione, di installare una statua dedicata al dittatore della Germania nazista, Hitler nella nostra città”, ha sottolineato il capogruppo del Pd Alessandro Cozzolino.

Intanto, però, dopo una sospensione si è tornati in aula senza in numero legale, qualche consigliere ha dichiarato di non voler più votare l’ordine del giorno ed il consiglio è saltato.  

“Se ho potuto ferire qualcuno con la frase utilizzata questa mattina in consiglio comunale, contenente il riferimento ad Hitler, ci tengo francamente a scusarmi – ha spiegato Coluzzi.

Volevo semplicemente sottolineare che trovo inutile una discussione di ore per la semplice intitolazione di una strada”.

“Su Almirante già sono state fatte dichiarazioni e già abbiamo espresso le nostre perplessità per un atto forzato e senza alcuna logica – afferma Cozzolino -. Durante la discussione, invece, il consigliere Coluzzi ha voluto “rilanciare” ed ha proposto di installare una statua a Hitler. A quel punto l’opposizione non ha potuto che far evidenziare la gravità dell’affermazione da parte di un consigliere comunale in carica con Forza Italia”.

“Il risultato politico è poi imbarazzante. Un intero consiglio bloccato sulla vicenda Almirante, dichiarazioni ampiamente oltre ogni limite e la maggioranza che vuole compiere un atto di forza, votando la mozione e non avendo i numeri. Il PD ha tenuto la barra dritta, non è indietreggiato di un millimetro ed è riuscito ad ottenere il risultato prefissato, non fare approvare questa mozione”, conclude l’esponente del Pd. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso al Senato, 30 posti da assistente parlamentare: come candidarsi

  • "Madame furto" questa volta non si salva dal carcere: dai domiciliari finisce in cella

  • Maxi furto in gioielleria con la figlia: arrestata ladra seriale ricercata dalla polizia

  • In auto con 30 chili di droga: corriere fermato a Terracina e arrestato

  • Processo Arpalo, in una pen drive le prove del riciclaggio di denaro di Maietta e soci

  • Auto si ribalta e finisce fuori strada, famiglia salva per miracolo

Torna su
LatinaToday è in caricamento