Lotta al degrado, ordinanza contro il consumo di alcolici in strada a Cisterna

L'ordinanza del sindaco Della Penna che fa divieto anche di abbandonare in luogo pubblico (o di uso pubblico) qualunque contenitore vuoto di bevande e di alimenti. Multe fino a 500 euro per i trasgressori

Lotta al degrado urbano a Cisterna dove il sindaco Eleonora Della Penna ha emanato l’ordinanza - in vigore fino al 31 agosto - che impone il consumo di alcolici solo nelle aree attrezzate e a divieto anche di abbandonare in luogo pubblico (o di uso pubblico) qualunque contenitore vuoto di bevande e di alimenti, nonché rifiuti e oggetti che possano comunque creare pericolo ai cittadini.

Una disposizione transitoria proposta per la settima volta consecutiva a Cisterna, che punta ad evitare episodi di degrado di diverso tipo, specialmente nel corso delle affollate serate della rassegna “Cisterna Estate”.

“Come ogni anno, infatti - spiega l'amministrazione in una nota -, si ripropone la necessità di assumere provvedimenti volti a salvaguardare la sicurezza urbana ed a tutelare l’incolumità di tutte quelle persone che spesso si riversano, a fini di svago, negli ambiti della città di maggiore attrattiva, specie nelle ore serali e notturne.

In diverse zone, sia del centro che della periferia, lo stazionamento in spazi pubblici (strade, piazze, giardini, scale ecc.), di persone dedite al consumo di bevande alcoliche, ha come inevitabile conseguenza il manifestarsi di schiamazzi e di situazioni che turbano la quiete e l’ordine pubblico, fino a casi estremi di lesione del patrimonio pubblico e privato. A questo fenomeno consegue inoltre l'abbandono di contenitori e bottiglie (quelli di vetro, spesso ridotti in frantumi, possono trasformarsi in strumenti molto pericolosi) che creano una disdicevole lordura delle zone pubbliche oltre che una situazione di pericolo.

Fra l’altro, sono pervenute diverse segnalazioni in tal senso da parte dei cittadini”.

E’ comunque consentito consumare sia bevande alcoliche di  qualsiasi gradazione, sia alimenti di qualsivoglia natura, nelle aree attrezzate adiacenti gli esercizi pubblici, attività commerciali ed artigianali autorizzati dal Comune. L'inosservanza delle disposizioni contenute nell’ordinanza sarà punita con la sanzione amministrativa da 25,00 a 500,00 euro. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e corruzione: 34 arresti a Latina. Coinvolti due agenti della polizia penitenziaria

  • Droga e corruzione in carcere, i nomi dei 34 arrestati dell'operazione "Astice"

  • Astice e cocaina in carcere: in cambio di favori soldi e droga agli agenti corrotti

  • Corruzione in carcere, il detenuto parla dell'ispettore: "Quando vuole mangiare fallo mangiare subito"

  • Latina, giallo in via Sabaudia: trovato il cadavere di un uomo in auto

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chirurgo torna in ospedale e lo salva

Torna su
LatinaToday è in caricamento