Controlli nelle aziende agricole da Latina a Fondi: al vaglio la posizione di 100 braccianti

Acquisita documentazione negli studi di commercialisti e consulenti del lavoro. Impiegati 60 agenti

Un mirato servizio di controllo nelle aziende agricole è stato effettuato dai commissariati di polizia nei territori TerracinaFondi, Sabaudia e Latina. Il servizio di polizia ha visto impiegati complessivamente 30 equipaggi operativi, sia in uniforme che in abiti civii e auto di copertura, per un totale di 60 agenti. Il controllo, effettuato dai commissariati di Terracina e Fondi affiancati dalla polizia scientifica e dagli uffici immigraazione, ha riguardato i migranti impiegati nel settore agricolo. 

Le ispezioni hanno permesso di acquisire una copiosa documentazione anche presso studi professionali di commercialisti e consulenti del lavoro. Al vaglio ora la posizione di oltre 100 stranieri impiegati come braccianti i cui permessi di soggiorno sono in fase di rinnovo. Controllati anche 10 furgoni utilizzati per il trasporto dei lavoratori e i rispettivi autisti, la cui identità è stata verificata dalla polizia scientifica mediante rilievi foto-dattiloscopici. Ulteriori verifiche riguarderanno anche i contratti di locazione degli immobili che i cittadini stranieri occupavano. 

Nel corso dell'attività sono stati contestati illeciti amministrativi e acquisiti una serie di dati che consentono di implementare la conoscenza del territorio e delle condizioni socio-economiche dei braccianti stranieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

Torna su
LatinaToday è in caricamento