Controlli del territorio, senzatetto trovato morto nella zona portuale

Disposta l'autopsia per il cittadino algerino di 58 anni morto per cause ancora da chiarire. Il commissariato di polizia, nel corso del servizio, ha denunciato a piede libero due persone

Un servizio straordinario di controllo del territorio è stato effettuato nei giorni scorsi dal commissariato di polizia di Formia con l’ausilio del Reparto Prevenzione Crimine di Roma. I controlli hanno riguardato in particolare i cittadini extracomunitari presenti illegalmente sul territorio formiano. Sono stati rintracciati all’interno dell’ex struttura alberghiera Marina di Castellone alcuni senzatetto rumeni, mentre nel centro cittadino e presso alcuni impianti semaforici, sono stati fermati dei cittadini nigeriani, intenti a chiedere l’elemosina. Tutti sono stati controllati, perquisiti e successivamente allontanati dalla zona.

Inoltre, nella nottata di sabato 2 dicembre, gli agenti sono stati chiamati dal  pronto soccorso dell’ospedale, in quanto giungeva a bordo di un’ambulanza del 118 un senzatetto di origine algerina, di 58 anni, deceduto per cause poco chiare, dopo essere stato soccorso nella zona portuale. La Procura della Repubblica di Cassino ha disposto quindi una serie di accertamenti per chiarire alcuni aspetti sulla morte dell’uomo. La salma è stata trasportata presso l’ospedale di Cassino, dove il medico legale incaricato dall’autorità giudiziaria eseguirà l’esame autoptico. Dagli interrogatori realizzati, al momento pare potersi escludere una causa di origine violenta in ordine alla morte dell’uomo, noto per essere abitualmente dedito all’abuso alcolico.

Nel corso dei servizi di controllo del territorio, sono state inoltre denunciate a piede libero due persone: una donna originaria della provincia di Caserta per inosservanza ad un foglio di via obbligatorio; un formiano di anni 55 che aveva lasciato rinchiuso in un’auto la madre ultraottantenne, per abbandono di persona incapace .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Usura e spaccio, Antonio Di Silvio intercettato: "Io non sono uno zingaro come gli altri"

  • Usura, estorsione e spaccio: otto arresti. In carcere anche Antonio Di Silvio

  • Preso con due etti di cocaina dopo un inseguimento, in lacrime davanti al giudice

  • Cinque chili di droga nascosta nell’armadio, impossibile dimostrare che era sua: assolto

  • Dramma a Terracina: uomo si toglie la vita impiccandosi a un ponte

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

Torna su
LatinaToday è in caricamento