Discarica Montello, cittadini: “Quali criteri per l’esenzione bollette?”

La Fondazione Colombo si fa portavoce della popolazione della zona: "La topografia è vecchia di 10 anni. Predisporre una nuova mappatura e ricontare le bollette pagate e da pagare"

Con quale criterio sono stabilite, oggi, le cosiddette fasce di rispetto per le abitazioni limitrofe alla discarica di Borgo Montello?

Questa è la domanda che si pone la popolazione della zona, appoggiata ora anche dalla neonata associazione Fondazione Colombo di Latina che ha deciso di sostenere l’iniziativa della stessa di costituire un comitato di cittadini.

L’intento, ad oggi, è quello di capire come vengono stabilite proprio le fasce di rispetto, la famosa fascia verde di due chilometri dal margine della discarica, all’interno della quale i cittadini residenti sono esentati dal pagamento dell’imposta, e alla fascia rossa che prevede una riduzione del 30% del tributo.

“La topografia in ragione della quale è stabilita l’esenzione, ci risulta infatti essere ormai di vecchia data: l'aggiornamento non sarebbe svolto da almeno 10 anni, periodo durante il quale la discarica è stata peraltro ingrandita” si legge in una nota della Fondazione. “L'intento è quello di verificare l’esatta applicazione della norma in questione e, in caso di accertata modifica nel tempo delle dimensioni della discarica, la predisposizione di una nuova mappatura ed il riconteggio di tutte le bollette pagate e da pagare a carico dei cittadini interessati” afferma il rappresentante di zona Luciano Proietti.

“Stiamo assistendo ormai dall’inizio di questa consiliatura ad un fastidioso e continuo siparietto tra il vice sindaco Fabrizio Cirilli e il consigliere del Pd Giorgio De Marchis sulla questione della Latina Ambiente – prosegue sempre la nota -. L’uno che interviene in toni trionfalistici come se avesse fatto chissà quale miracolo, l’altro imperterrito e impegnato solo nella stucchevole opposizione di principio della quale, solo lui, non ne comprende l’inutilità ed il disinteresse da parte dei cittadini”.

“Eppure ancora tante, troppe sono le questioni irrisolte o peggio ancora nascoste che il vice sindaco non tratta ed il capogruppo dell’opposizione, forse, non conosce perché troppo impegnato nella battaglia strettamente politica delle sorti della Latina Ambiente”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sezze, prostituzione minorile: 50enne fa sesso con una ragazzina pagando la madre

  • Straordinaria scoperta a Priverno: scheletri e sepolture di epoca medievale

  • Lavori sulle condotta idrica, Latina senza acqua giovedì 12 settembre

  • Garage a fuoco in via Geminiani: evacuato un palazzo. Intossicati alcuni residenti

  • Incidente sul lavoro a via Monti, lesioni compatibili con la caduta dal ponteggio

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento