Panico sull'Epitaffio, giovane contromano: “Facevo tardi a lavoro”

Patente ritirata, punti decurtati e multa salata per il giovane che, per saltare la fila del semaforo ha percorso la strada contromano; bloccato dal dirigente della Volante della Questura che in quel momento si recava a lavoro

L'incrocio tra via Epitaffio e via Congiunte Destre

Si è giustificato dicendo di avere fretta di raggiungere il posto di lavoro l’automobilista fermato questa mattina su via Epitaffio dopo aver percorso, con incoscienza e disprezzo di ogni regola civile, un tratto di strada contromano.

Momenti di paura su una delle strade già di per sè più pericolose del capoluogo pontino, quando un giovane alla guida di una Fiat Punto ha pensato di saltare la lunga coda che si era formata al semaforo tra via Epitaffio e via Congiunte Destre, percorrendo un tratto di strada contromano. Molte in quel momento le auto che se lo sono visto piombare addosso durante il suo tentativo di raggiungere l’incrocio e guadagnare qualche minuto.

Sfortuna per lui che in quel preciso istante, proprio su via Epitaffio, passava anche il dirigente della Squadra Volante della Questura di Latina, Edoardo Menghi, che, notando quanto stava accadendo e dopo aver lampeggiato al giovane, gli ha sbarrato la strada mettendosi di traverso con la propria auto.
Immediata poi la chiamata al 113 con la volante che si è recata sul posto. Per il giovane, che si è giustificato dicendo di avere fretta di arrivare a lavoro, sono scattati il ritiro della patente, la sottrazione dei punti nonché una multa salatissima.

“Il controllo del rispetto del codice della strada da parte dei cittadini è una delle priorità dettate agli agenti delle volanti, specialmente in una città come Latina - spiegano dalla Questura -, dove gli incidenti stradali sono molto numerosi spesso per atteggiamenti imprudenti dei guidatori che mettono a rischio l’incolumità degli altri utenti della strada”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Preso con due etti di cocaina dopo un inseguimento, in lacrime davanti al giudice

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • Cinque chili di droga nascosta nell’armadio, impossibile dimostrare che era sua: assolto

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Lo Zecchino d’Oro “canta” anche pontino: terzo posto per un bambino di Sabaudia

Torna su
LatinaToday è in caricamento