Coronavirus, controlli serrati a Sabaudia: al vaglio 200 autocertificazioni

L’attività delle forze dell’ordine per il rispetto delle prescrizioni del Governo. Anche il sindaco Gervasi presente ai controlli con la Polizia Locale

Controlli serrati in questi giorni anche a Sabaudia da parte delle Forze dell’Ordine per verificare il rispetto delle prescrizioni governative in materia di contrasto e contenimento del nuovo coronavirus. L’attività è proseguita anche nella giornata di oggi, mercoledì 18 marzo. 

Al presidio delle zone di accesso alla città hanno preso parte gli agenti di Polizia Locale, Carabinieri e Guardia di Finanza: ad oggi oltre 200 le persone che sono state fermate e alle quali è stato chiesto il modello di autocertificazione, necessario per giustificare lo spostamento dalla propria abitazione. Ora le dichiarazioni rilasciate sono al vaglio delle Forze dell’Ordine e se dovessero risultare false, per le persone scatterà subito la denuncia per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità. 

“Il presidio costante del territorio si rivela necessario per monitorare gli spostamenti dei cittadini sul territorio comunale – commenta il sindaco Gervasi, presente ai controlli insieme alla Polizia Locale – In questo preciso momento è indispensabile rispettare le prescrizioni governative e restare in casa. Per molti può essere difficile ma è davvero l’unica soluzione per evitare contagi e dunque contenere il diffondersi del virus. Un sentito ringraziamento va alla Polizia Locale, ai Carabinieri e alla Guardia di Finanza per il lavoro che stanno svolgendo in questi giorni, garantendo l’osservanza delle regole e il rispetto della salute di tutti noi”. 

I controlli sul territorio proseguiranno per tutta la durata dell’emergenza epidemiologica. “Il cittadino fermato dalle Forze dell’Ordine - ricorda il Comune di Sabaudia - dovrà presentare il modulo dell’autocertificazione nella sua versione aggiornata, ovvero dovrà autocertificare contestualmente al motivo dello spostamento, di non essere positivo al Coronavirus o sottoposto alla quarantena. Tale integrazione, valida su tutto il territorio nazionale, si è resa necessaria in quanto diverse persone hanno violato gli obblighi previsti dalla quarantena (ora rischiano fino a 12 anni di carcere per concorso colposo in epidemia)". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul territorio comunale di Sabaudia, inoltre, con due diverse ordinanze sono stati disposti la a chiusura di aree verdi e giardini pubblici e il divieto di attività ricreative e sportive sul lungomare, sull’arenile e in spiaggia, fino al 3 aprile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina: 341 positivi in provincia. Nel Lazio 157 contagi in più in un giorno

  • Coronavirus Latina: salgono a 359 i positivi in provincia. Nel Lazio 123 casi in un giorno

  • Coronavirus Latina, 373 i casi totali in provincia, nel Lazio 3.300 ma 500 guariti

  • I balneari pensano alla stagione estiva: in spiaggia numero chiuso per anziani e soggetti a rischio

  • Coronavirus Latina: due morti e 20 contagi in più in provincia, nel Lazio 167 nuovi casi

  • Coronavirus, l’appello: “Chiudere negozi alimentari e supermercati a Pasqua e Pasquetta”

Torna su
LatinaToday è in caricamento