Daniele Nardi, Bassiano si mobilita: intitolati anche una strada per il Semprevisa e il rifugio

La decisione con una delibera di giunta: all'alpinista di Sezze sarà dedicata la via per Campo Rosello

Anche il Comune di Bassiano si mobilita per intitolare una strada della Semprevisa a Daniele Nardi. All'alpinista di Sezze scomaparso sul Nanga Parbat l'amministrazione guidata da Domenico Guidi vuole intitolare la strada via Semprevisa fino alla località Campo Rosello. La decisione è stata ratificata da una delibera di giunta approvata nei giorni scorsi.

A Daniele sarà intitolata anche la parete Racuina, che diventerà "Parete Daniele Nardi". E infine all'alpinista setino e al suo compagno di spedizione Tom Ballard sarà dedicato il rifugio Liberamonte del Semprevisa."

L’intitolazione della strada alla memoria Nardi - si legge nel testo della delibera del Comune di Bassiano - vuole rappresentare per l’intera comunità il giusto riconoscimento al valore umano. Purr essendo nato in un territorio senza grandi tradizioni alpinistiche, sin da piccolo vive a contatto con le nostre montagne, come il suo amore per il Monte Semprevisa dove Il 10 luglio 2016, con una cerimonia celebrata sulla vetta della Semprevisa, Daniele Nardi si sposa". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto, è dei giorni scorsi la decisione di dedicare a Daniele anche una cima del monte Semprevisa, così come stabilito in un incontro tra la Compagnia dei Lepini e i sindaci dei comuni di Sezze e di Carpineto Romano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fase 2, arriva l'ordinanza per le spiagge: si apre il 29 maggio. Ecco le regole

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Fase 2, la nuova ordinanza nel Lazio: dal 25 maggio riaprono le palestre, dal 29 gli stabilimenti

  • Coronavirus: salgono a 536 i casi in provincia, nel Lazio sono 3786 gli attuali positivi

  • Tragedia nelle acque del Circeo: sub accusa un malore in acqua e muore

Torna su
LatinaToday è in caricamento