Sul Semprevisa per Daniele Nardi, Alex Txikon: "E' importante quello che lasciamo dietro di noi"

Anche l'alpinista spagnolo ha partecipato all'evento di ieri sulla montagna cara a Daniele e ha ringraziato per questo importante omaggio

Una giornata carica di emozioni e commozione quella di ieri, 31 marzo, quando 2.500 persone hanno deciso di salire sulla Semprevisa e di partecipare all'evento organizzato in memoria di Daniele Nardi, l'alpinista di Sezze, scomparso sul Nanga Parbat. Oltre ai familiari stretti di Daniele, la moglie insieme al figlio di pochi mesi, il fratello e moltissimi amici e conoscenti, ha voluto prendere parte alla passeggiata anche Alex Txikon, l'alpinista spagnolo che aveva partecipato da subito alle ricerche di Daniele Nardi e Tom Ballard e che per primo aveva avvistato i corpi su una parete della montagna.

Una passeggiata per Daniele Nardi: tutti insieme sul Semprevisa per ricordarlo

Attraverso la sua pagina Facebook Txikon ha scritto di aver vissuto un'emozionante giornata: "Abbiamo assistito all'omaggio che hanno organizzato gli amici e la famiglia di Daniele Nardi in ricordo dell'alpinista italiano e del britannico Tom Ballard". 

"E' stato davvero difficile parlare dell'evento e del salvataggio che abbiamo - ha spiegato - ma allo stesso tempo è stato un prezioso omaggio. Ancora una volta mi rendo conto che la cosa più importante nella vita è quello che lasciamo dietro di noi e lì da dove passiamo. Grazie mille a tutta la famiglia e agli amici di Daniele". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gatto incatenato e maltrattato: la segnalazione a Latina

  • Cimitero di auto rubate in un terreno: scompare il materiale sequestrato

  • Guida Michelin 2020: c'è l’Acqua Pazza di Ponza tra i ristoranti “stellati” del Paese

  • Spaccio a piazza Moro, Girondino condannato a tre anni e mezzo di carcere

  • Tragico incidente a Terracina, auto contro un camion: muore una donna

  • Tabacco riscaldato e sigarette elettroniche riducono dell'80% i livelli di monossido di carbonio: lo studio italiano

Torna su
LatinaToday è in caricamento