Desirée, pusher fermato dalla polizia. Cedeva droga anche alla 16enne

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori vendeva stupefacenti nei locali di via dei Lucani. Fermato alla metro Pigneto a Roma; rinvenute dosi di cocaina e psicofarmaci

Un ulteriore passo in avanti nelle indagini condotte dalla polizia sullo stupro e la morte di Desirée Mariottini, la 16enne di Cisterna trovata priva di vita nello stabile abbandonato di via dei Lucani nel quartiere San Lorenzo a Roma, all’alba del 19 ottobre scorso. E' stato fermato a Roma il pusher italiano su cui da giorni si era concentrata l'attenzione degli investigatori. 

Nel pomeriggio di ieri gli uomini della Squadra Mobile della Capitale hanno eseguito il decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla locale Procura della Repubblica nei confronti del 36enne romano Marco Mancini. E’ statala stessa Questura di Roma a dare comunicazione questa mattina del fermo che pone così un altro importante tassello nella ricostruzione di quanto accaduto in quella drammatica notte in via dei Lucani. 

Le accuse

Secondo quanto riferito dalla Questura di Roma con una nota, il 36enne “con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, illecitamente deteneva e cedeva sostanze stupefacenti, quali cocaina ed eroina e psicofarmaci che inducono effetti psicotropi anche contenenti ‘quetiapina’, cedendole a persone che a tale fine frequentavano i locali di via Dei Lucani 22” ed anche alla 16enne di Cisterna.  

Il fermo

Marco Mancini è stato rintracciato nel pomeriggio di ieri alla fermata della metro C Pigneto. All’atto della controllo è stato sottoposto a perquisizione personale e locale che ha permesso di rinvenire e sequestrare 12 dosi di cocaina e psicofarmaci di vario genere; per questo è stato segnalato all’Autorità Giudiziaria per il reato di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti e psicotrope.

Quinto fermo 

Si tratta del quinto arresto nella vicenda. Il gip Maria Paola Tomaselli aveva messo nero su bianco il fatto che il mix di droga e pasticche che l'hanno stroncata le sarebbe stato dato da un italiano, appunto un certo Marco che spacciava nel quartiere San Lorenzo.

I primi tre fermati fanno istanza di scarcerazione

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Torna l’ora solare: lancette dell’orologio indietro, ecco quando spostarle

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

  • I “4 Ristoranti” di Alessandro Borghese sulla Riviera d’Ulisse: trionfa la Ricciola Saracena

Torna su
LatinaToday è in caricamento