La morte di Desirée: la Procura indaga per omicidio e violenza sessuale

Ieri l'autopsia sul corpo della giovane di Cisterna, che ha confermato i sospetti. Un supertestimone intervistato a Rai1 e ascoltato dagli investigatori

La Procura di Roma, secondo quanto riporta l'Ansa, indaga per omicidio e violenza sessuale per la morte di Desirée Mariottini, la ragazza di 16 anni di Cisterna trovata morta venerdì scorso in uno stabile abbandonato a Roma, in via dei Lucani, nel quartiere San Lorenzo. Ieri l'atroce verità emersa dall'autopsia: ci sarebbero tracce di droga e anche segni di violenza sessuale sul corpo della ragazza. Un supertestimone, intervistato nel programma Storie Italiane su Rai1 e ascoltato dagli investigatori, ha raccontato che la giovane sarebbe stata violentata da più persone, forse tre uomini, e poi uccisa. 

"L'hanno drogata e violentata, urlava", avrebbe raccontato il giovane testimone, un ragazzo senegalese, alla polizia. Proprio il supertestimone ha aggiunto altri particolari della tragedia parlando a Storie Italiane. Secondo il suo racconto Desirée si trovava sdraiata a terra nel cantiere abbandonato di via dei Lucani.  "C'erano sette persone" ha raccontato. "L'amica raccontava che era stata drogata e violentata". 

Salvini: "Non si può morire stuprati nel cuore di Roma"

La giovane viveva a Cisterna con la madre e una sorella più piccola. Quando venerdì notte non è tornata a casa, i familiari si sono subito preoccupati. Desirèe era infatti abituata ad avvisare sempre se si allontanava da casa. Così è scattata subito la denuncia. La tragica scoperta del corpo senza vita qualche ora dopo.

Parla l'avvocato della famglia di Desirée

Intanto a San Lorenzo, sul muro dell'ex cantiere di via dei Lucani, è comparsa una scritta: "Giustizia per Desirèe: San Lorenzo non ti dimentica".

Il sindaco di Cisterna: "Una tragedia inconcepibile"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

Torna su
LatinaToday è in caricamento