Morte di Desirée, pusher incastrato dall’acquisto di un farmaco

Gli investigatori sono risaliti a Marco Mancini attraverso il sistema di tracciatura dei medicinali

L’arresto del presunto pusher Marco Mancini, 36 anni, arrestato nei giorni scorsi dagli uomini della Squadra mobile di Roma con l’accusa di cessione di sostanza stupefacente nell’ambito dell’inchiesta sulla morte della 16enne di Cisterna Desirée Mariottini è stato reso possibile dal sistema di tracciatura dei farmaci che viene effettuata dalla farmacie italiane.

Nel corso delle indagini gli investigatori avevano rinvenuto la confezione integra di un medicinale e attraverso il numero di targatura sono riusciti a risalire alla farmacia romana che l’aveva venduta e da lì alla relativa ricetta, con conseguente identificazione del paziente: un 36enne romano incensurato, Marco Mancini appunto.

L’arresto del presunto spacciatore che ha rifornito gli stupratori e assassini di Desirée Mariottini di un medicinale utilizzato per drogare la ragazza è stato possibile grazie al sistema di tracciatura dei farmaci che viene effettuata dalle farmacie italiane, sistema che permette un controllo totale della filiera del farmaco e che in questo caso è stata percorsa al contrario e si è rivelata  determinante nella cattura del pusher. I farmaci in questione sono stati infatti utilizzati insieme ad un mix di droghe per stordire Desirée nell’edificio di Via dei Lucani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ricorso dei tre arrestati: la decisione del Riesame

Assessore D'Amato: "Tracciabilità farmaci d'aiuto agli inquirenti"

"Nell'indagine per individuare i responsabili della tragica vicenda di San Lorenzo è stato di fondamentale importanza il sistema regionale per la distribuzione dei farmaci cosiddetta 'Per Conto' ossia acquistati dalla Regione Lazio e distribuiti dalle farmacie attraverso procedure informatiche che ne permettono la tracciabilità - ha dichiarato in una nota l'assessore alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione, Alessio D'Amato -. Grazie a questo collaudato sistema regionale e alla complessa attività d'indagine è stato possibile risalire al presunto pusher. Questa volta il sistema di tracciabilità del farmaco, che è stato percorso all'inverso ossia dal consumatore al farmacista, è risultato utilissimo per l'attività della Magistratura". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina: 237 contagi in provincia, 195 casi positivi in più nel Lazio in un giorno

  • Coronavirus, controlli della polizia: scoperta parrucchiera che lavorava in casa. Denunciata

  • Coronavirus Latina: nel Lazio 2.642 positivi, ma ci sono 24 guariti nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus, Latina piange la morte del ginecologo Roberto Mileti. E' la tredicesima vittima in provincia

  • Terracina, 250 mascherine donate al Comune. Il biglietto: "Dal vostro concittadino Gabriele Orlandi"

  • Coronavirus Pomezia, primo decesso in città. Il cordoglio del sindaco: “Tragica notizia”

Torna su
LatinaToday è in caricamento