Pistole e proiettili celati in casa, irruzione dei carabinieri: in manette

Blitz dei militari dell'Arma di Aprilia nell'abitazione di un 46enne residente ad Ardea arrestato, dopo la perquisizione, con le accuse di detenzione illegale di armi e di munizioni da sparo

Due pistole e alcune cartucce sono state ritrovate in casa di un uomo di nazionalità albanese che è finito in manette per i reati di detenzione illegale di armi e di munizioni da sparo.

Il blitz è stato compiuto questa mattina dai militari del comando stazione dei carabinieri di Aprilia, in collaborazione con quelli dell’omologo comando Arma di Ardea.

Nell’ambito dell’operazione, condotta in seguito ad una specifica attività investigativa, è stata perquisita l’abitazione del 46enne già noto alle forze dell’ordine e residente nella cittadina in provincia di Roma.

All’interno sono state trovate due pistole calibro 7,65, marca beretta, rispettivamente con matricole abrasa e punzonata e complessive 21 cartucce dello stesso calibro.

Le armi sono state poste sotto sequestro, mentre l’uomo è stato trasferito presso la casa circondariale di Velletri a disposizione dell’autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

Torna su
LatinaToday è in caricamento