Materiali abbandonati in via Monte Lupone, una discarica a cielo aperto

Cumuli accatastati su un terreno di proprietà del Comune. La denuncia di Cozzolino (Pd): "Necessario sgomberare l'area. La situazione è pericolosa sotto il profilo igienico-sanitario"

Il materiale abbandonato su via Monte Lupone

Una vera e propria discarica a cielo aperto è quella che si è creata lungo via Monte Lupone a Latina dove sono stati abbandonati su un terreno di proprietà comunale una serie di materiali di risulta dopo la costruzione di alcuni palazzi.

La denuncia del consigliere comunale del Pd Alessandro Cozzolino che sottolinea anche la pericolosità della situazione “per i bambini che vanno a giocare in quel tratto di verde e per le persone che frequentano la zona”.

Lo stesso Cozzolino dopo una serie di segnalazioni da parte di alcuni cittadini del Gionchetto ha effettuato un sopralluogo.

“In quel terreno – spiega Cozzolino – il Comune deve realizzare un parcheggio e deve ancora finire di realizzare i marciapiedi”. Proprio a ridosso del tratto stradale sono stati abbandonati calcinacci, foratini e materiale edile di vario genere con grave pericolo per la situazione igienico-sanitaria.

“Chiediamo che si intervenga subito - conclude il consigliere – per sgomberare l’area da tutto il materiale abbandonato, ripristinare la situazione e poi cominciare con gli interventi necessari per l’area di sosta e per i marciapiedi”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Aprilia, in due tentano di investire i carabinieri: i residenti lanciano vasi contro i militari

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

  • Aprilia, minacce di morte ai carabinieri in via Francia: convalidati i due arresti

Torna su
LatinaToday è in caricamento