Sentenza Don’t touch: riconosciuta l'associazione criminale: condanne per più di 40 anni

Cha Cha condannato a 11 anni, Tuma a 3 anni e 4 mesi. Sentenza nell'ambito di uno dei processi più importanti per il capoluogo pontino. Dopo Caronte, è il secondo procedimento in cui si riconosce l'esistenza di un'associazione per delinquere

Cha Cha al momento dell'arresto nel corso dell'operazione Don't Touch

41 anni e sei mesi di carcere: a tanto ammontano le condanne per 12 imputati del processo Don’t touch scaturito da una maxi operazione della squadra mobile contro quella che l’accusa considera una vera e propria associazione per delinquere.

Costantino Di Silvio detto Cha Cha è stato condannato a 11 anni di reclusione; 5 anni per Angelo Morelli, 6 per Davide Giordani, 4 anni e 6 mesi per Ionut Necula, 2 anni e 6 per il carabiniere Fabio Di Lorenzo, 3 anni e 4 mesi per Gianluca Tuma, 4 anni e sei mesi per Alexander Prendi, 2 anni e 2 mesi per Alejandro Bortolin, 2 anni e 6 mesi per Riccardo Pasini; assolto e scarcerato Dario Gabrielli. Assolti anche Adrian Costache e Fabrizio Marchetto.

Il gruppo capeggiato da Cha Cha, Costantino Di Silvio, è stato riconosciuto dal tribunale come un’associazione a delinquere che ha operato in città per svariato tempo occupandosi di diversi traffici illeciti, dall’usura all’estorsione, allo spaccio di droga. L'associazione a delinquere è contestata solo alla metà degli imputati; tale aggravante oggi non è stata riconosciuta per Gianluca Tuma. 

Il vincolo associativo era già stato riconosciuto agli appartenenti del clan Ciarelli-Di Silvio nel processo Caronte. Il primo grado del processo Don’t touch che si è chiuso oggi ha avuto lo stesso esito con il riconoscimento di una compagine strutturata.

All’alba del 12 ottobre scorso erano scattati i 24 arresti. Nove di queste persone, tra cui i Travali, Viola e il poliziotto Carlo Ninnolino, hanno scelto il rito abbreviato e sono state condannate nel mese di maggio. Il resto aveva proseguito per via ordinaria e, visto che la Procura aveva chiesto e ottenuto il rito immediato, il processo si è chiuso oggi, dopo solo otto mesi dall’operazione.

I pm Luigia Spinelli e Claudio De Lazzaro avevano chiesto 70 anni di carcere. Oggi i giudici del collegio penale del tribunale di Latina hanno stabilito condanne per 41 anni e sei mesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fase 2, arriva l'ordinanza per le spiagge: si apre il 29 maggio. Ecco le regole

  • Chiede la mascherina al datore di lavoro: licenziato, picchiato e poi gettato in un canale

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Coronavirus, tre nuovi casi in provincia: tutti relativi al cluster di Priverno

  • Fase 2, la nuova ordinanza nel Lazio: dal 25 maggio riaprono le palestre, dal 29 gli stabilimenti

Torna su
LatinaToday è in caricamento