Detenevano bulbi di papavero, condannati

I due ragazzi di origini indiane avevano dichiarato di utilizzare gli stupefacenti per sopportare la durezza del lavoro nei campi

Sono stati condannati a due anni e tre mesi di reclusione ciascuno due ragazzi di nazionalità indiana accusati di detenzione e spaccio di bulbi di papavero da oppio.

La sentenza è stata emessa questa mattina dal giudice del Tribunale di Latina Giuseppe Cario al termine del processo svoltosi con rito abbreviato in sede di udienza preliminare.

Raman e Suresh Kumar, difesi dall’avvocato Moreno Gullì, il 27 luglio dello scorso anno erano stati trovati in possesso di 245 grammi di papavero da oppio e 352 capsule di “Spasmo Proxyvon plus 2” nel corso di un controllo da parte dei carabinieri a Borgo Grappa. Gli imputati avevano dichiarato che la droga era loro necessaria per sostenere il duro lavoro nei campi. Entrambi i ragazzi sconteranno la pena agli arresti domiciliari.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Picchia e rapina i genitori per comprare la droga, in manette un 28enne di Latina

  • Cronaca

    Formia, rubano un cellulare a una studentessa a bordo del treno: arrestati tre minori

  • Cronaca

    Giustizia, dipendenti in stato di agitazione. "Il presidente del Tribunale ci ignora"

  • Cronaca

    Cronisti e minacce di querele, domani sit in Tribunale nel processo per lottizzazione abusiva a Sperlonga

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia, le tappe della corsa in provincia. I percorsi alternativi per gli automobilisti

  • Giro d'Italia, il cronoprogramma: passaggi e orari delle tappe in provincia

  • Morte del cane Lucky, l'aguzzino condannato a otto anni di carcere

  • Incidente a Sezze: 20enne guidava l'auto del padre senza patente e dopo aver assunto droga

  • Giro d’Italia 2019, arrivo a Terracina: strade chiuse e variazioni alla viabilità il 15 maggio

  • Giro d’Italia 2019: quinta tappa nella provincia pontina. Come seguire la Corsa Rosa

Torna su
LatinaToday è in caricamento