Hashish e cocaina nel carcere di Lanciano: arrestati padre e figlio di Minturno

Il 59enne e il 34enne accusati di concorso in detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti

Hanno cercato di far entrare droga, hashish e cocaina, nel carcere di Lanciano. Due uomini di Minturno, padre e figlio, sono stati arrestati e sono accusati di concorso in detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Come scrive ChietiToday, è stato il gip di Lanciano Massimo Canosa a disporre le due ordinanze cautelari nei confronti del 34enne, che è stato trasferito dal carcere di Lanciano a quello di Cassino, e del genitore 59enne, finito ai domiciliari. 

L'episodio risale all'aprile 2018 quando il 59enne cercò insieme alla nuora di portare la droga nella casa circondariale di Lanciano dove il figlio 34enne era detenuto. Allora fu arrestata e condannata a due anni e 4 mesi con il rito abbreviato la moglie del detenuto, una ragazza sempre originaria di Minturno, che prima di andare a fare visita al marito in carcere aveva nascosto la sostanza stupefacente nella borsa.

Questi provvedimenti emessi dal giudice di Lanciano sono uno stralcio dell’attività operativa della magistratura di Torre Annunziata che la scorsa settimana ha portato all'esecuzione di numerosi ordini di arresto per traffico di droga.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • Banda dei furti seriali, in udienza la difesa contesta l'associazione a delinquere

Torna su
LatinaToday è in caricamento