Emergenza freddo, i volontari della Croce Rossa aiutano i senzatetto

Attivato il “Servizio assistenza senza fissa dimora” con i volontari della Croce Rossa che durante il loro “giro notturno” prestano aiuto a chi non ha un riparo, offrendo un posto nel dormitorio, bevande calde, biancheria e coperte

Non si è fatto attendere il servizio di aiuto e assistenza da parte dei volontari del Comitato Locale di Latina della Croce Rossa Italiana ai senzatetto con l’arrivo di questa ondata di freddo che sta colpendo la provincia pontina in queste ore.

Temperature rigide, prossime allo zero, che specie di notte sono un grave pericolo per coloro che vivono la strada come i clochard e, su disposizione del commissario CRI Giancarlo Rufo, già nei giorni scorsi è stato attivato il “Servizio assistenza senza fissa dimora” (Sasfid).

I volontari hanno iniziato il “giro notturno” per prestare assistenza a coloro che non hanno un riparo, intanto proponendo di usufruire del dormitorio cittadino, per poi fornire bevande calde e anche un cambio di biancheria e coperte, oltre, a farsi carico di eventuali problematiche sanitarie chiedendo l'intervento dell'118.

Il servizio è svolto in sinergia e in collaborazione anche con altri enti che prestano assistenza a persone disagiate, come per esempio il Comune di Latina relativamente al dormitorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L'attivazione di questo servizio nasce dalla consapevolezza che la mancanza di strutture o ripari notturni per i senzatetto può provocare la morte di soggetti particolarmente esposti alle rigide temperature invernali - commenta soddisfatto il commissario Locale CRI Giancarlo Rufo -. Purtroppo, questa è una triste esperienza già provata dalla nostra città negli anni scorsi. Noi volontari della CRI non possiamo voltarci altrove e quindi abbiamo organizzato e predisposto questo servizio in linea con la nostra “strategia” che ci porta a guardare ai più vulnerabili”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco la prima mascherina senza elastici: l’idea di un giovane di Priverno

  • Aperte anche le spiagge libere, ecco le regole: bagno fino alle 19 e distanze di sicurezza

  • Tragedia nelle acque del Circeo: sub accusa un malore in acqua e muore

  • Coronavirus Latina: due nuovi casi positivi in provincia. Muore una donna al Goretti

  • Coronavirus: nel Lazio 21 nuovi casi, in provincia 544 contagi totali

  • Coronavirus: salgono a 549 i casi in provincia. Nel Lazio 20 positivi in più, i dati di tutte le Asl

Torna su
LatinaToday è in caricamento