Dubbi sul dormitorio definitivo, Fioravante: “Aprirlo ad ogni costo”

Questa è la settimana più fredda dell'anno e cresce l'emergenza clochard. Il consigliere: "La struttura è completata ma non si avvia per oscuri motivi. È doveroso e necessario aprirla"

È stata definita la settimana più fredda dell’anno. Quelli che stiamo vivendo si preannunciano giorni con temperature rigide, che potrebbero scendere anche al di sotto dello zero, e piogge frequenti, mentre sui monti pontini cominciano ad arrivare le prime nevicate.

E quando arriva il freddo diventa ancora più sentita l’emergenza dei senzatetto, costretti, anche d’inverno, a vivere per strada e a cercare di volta in volta un riparo di fortuna.

La sua voce si era fatta sentire forte già qualche giorno fa, ma come dice lui il suo intervento non aveva ricevuto risposta. E in queste ultime ore il consigliere comunale Marco Fioravante è tornato a parlare, ribadendo la necessità di trovare una soluzione in tempi rapidissimi.

“Aprire subito il dormitorio definitivo”. Questo è il suo appello. La vicenda di Al Karama, è stata solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso, ma tanti sono in città i clochard senza un tetto sopra la testa che magari, ma non sempre, riescono a trovare riparo nel dormitorio temporaneo.

“Non basta battersi il petto o esprimere una solidarietà cristiana di maniera. Occorre agire” tuona Fioravante che torna di nuovo sul giallo del dormitorio definitivo di viale Prampolini, una struttura a quanto pare completata ma che, non si sa per quale motivo, ancora non viene avviata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Latina ha il cosiddetto dormitorio definitivo oramai completato che non si apre per motivi oscuri. Tenendo presente che la settimana che ci si presenta viene annunciata come la più fredda dell'ultimo secolo e che la nostra città ha già visto morire sulle panchine dei giardini pubblici persone senza fissa dimora. Non ci possiamo girare dall'altra parte. È assolutamente doveroso e necessario aprire il dormitorio definitivo ed utilizzarlo anche in maniera temporanea per superare questa fase di temperature polari a cui stiamo andando incontro. Aprirlo a prescindere da ogni ostacolo burocratico”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Tragedia nelle acque del Circeo: sub accusa un malore in acqua e muore

  • Coronavirus Latina: due nuovi casi positivi in provincia. Muore una donna al Goretti

  • Coronavirus, i contagi tornano a crescere: 7 nuovi casi da nord a sud della provincia

  • Coronavirus: salgono a 549 i casi in provincia. Nel Lazio 20 positivi in più, i dati di tutte le Asl

Torna su
LatinaToday è in caricamento