Dormitorio, Fanti: “Emergenza freddo gestita con responsabilità”

Bilancio positivo. Assessore ai Servizi Sociali: "Ospitati più di 30 clochard; garantiti servizi di ascolto, visite sanitarie, abiti e cibo". Vertice in Prefettura per la questione Al Karama

Il dormitorio provvisorio presso l'ex Consorzio Agrario

“L’emergenza freddo è stata affrontata con responsabilità dall’amministrazione comunale che, grazie al prezioso aiuto delle associazioni, è riuscita a dare una risposta immediata ai senzatetto della città, in attesa dell’apertura del centro di accoglienza notturna permanente”.

Con queste parole l’assessore ai Servizi Sociali del Comune di Latina commenta l’operato dell’amministrazione rispetto all’emergenza dei senzatetto; situazione che diventa preoccupante soprattutto durante i mesi invernali quando le temperature rigide costringono i clochard a cercare ovunque dei ripari di fortuna.

E con queste parole Patrizia Fanti risponde anche alle osservazioni mosse qualche giorno fa dal consigliere Marco Fioravante, il quale si aspettava dall’’Ente di piazza del Popolo un’accelerazione dell’iter per l’apertura del nuovo dormitorio permanente.

“Per quanto riguarda proprio la nuova struttura, al momento non è stata ancora consegnata all’assessorato ai servizi sociali a causa di alcuni ritardi negli allacci. Noi stiamo comunque provvedendo alla scelta dei materiali”.

Soddisfazione invece per l’assessore rispetto a quanto fatto nel dormitorio provvisorio che si trova nei locali dell’ex Consorzio Agrario: “Nelle notti più fredde sono state oltre 30 le persone ospitate. Per la maggior parte si tratta di uomini, provenienti soprattutto dalla Romania, ma anche dal Marocco, India, Tunisia, Bulgaria, Polonia, Ucraina, Francia, Kossovo, Serbia, Algeria e dalle altre regioni italiane”.

Centrale anche il ruolo delle associazioni che in questi mesi hanno collaborato attivamente per gestire l’emergenza senzatetto: “Grazie all’Anfe sono stati dati loro degli abiti puliti e, in collaborazione con la Saman, è stato reso possibile il servizio doccia. La colazione è stata offerta tutte le mattine nei locali dell’ex Consorzio mentre la cena è stata servita presso la mensa cittadina gestita dalla Caritas e finanziata, fino al 2011, dall’amministrazione comunale con fondi regionali. Dal 2012, poi, i fondi sono erogati direttamente alla Caritas regionale dall’assessorato ai servizi sociali della Regione Lazio. Non solo. Abbiamo fornito il servizio di ascolto con la presenza di assistenti sociali e operatori del settore e, insieme alla Asl, sono stati rilasciati dei tesserini per gli stranieri temporaneamente presenti sul territorio ai quali sono state offerte anche delle visite gratuite con accompagnamento”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto nella mattinata di oggi si terrà negli uffici della Prefettura un vertice con Regione, Provincia, Comune e forze dell’ordine. Un incontro al centro del quale si trova la questione dei rom del centro Al Karama. Necessaria una soluzione urgente per i nomadi che, dopo minacce e violenze hanno abbandonato il campo nomadi di Borgo Montello. Tante le cose da discutere anche in merito alla questione della denuncia sporta da alcuni di loro costretti a pagare il pizzo e resta ancora aperto il problema dei 44 rom rimasti in mezzo alla strada.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Tragedia nelle acque del Circeo: sub accusa un malore in acqua e muore

  • Coronavirus Latina: due nuovi casi positivi in provincia. Muore una donna al Goretti

  • Coronavirus, i contagi tornano a crescere: 7 nuovi casi da nord a sud della provincia

  • Coronavirus: salgono a 549 i casi in provincia. Nel Lazio 20 positivi in più, i dati di tutte le Asl

Torna su
LatinaToday è in caricamento