Esplosione nella palazzina a Formia, sindaco Forte: “Sfiorata la strage”

Primo cittadino all'indomani della tragedia nello stabile di via Madonna di Ponza: "Si è trattato di una esplosione terrificante; la macchina organizzativa ha funzionato alla perfezione"

Michele Forte, sindaco di Formia

Sembrava una tranquilla domenica quella di ieri a Formia e invece, nel giro di pochi secondi, si è sfiorata la tragedia. Un forte boato ed una violenta esplosione hanno gettato nel panico le 15 famiglie che vivono nella palazzina di via Madonna di Ponza, una zona residenziale di Formia, che in un secondo hanno visto alcune delle abitazioni ridursi ad un cumulo di macerie.

Alla base della deflagrazione, secondo quanto si apprende, ci sarebbe una fuga di gas in un appartamento al piano rialzato dello stabile di tre piani, occupato, con regolare contratto di affitto, da una famiglia albanese che pur avendo a disposizione l'impianto per il gas metano non aveva mai effettuato l'allaccio alla rete e continuava ad usare la bombola.

Dieci i feriti a causa dell’esplosione, tra di loro anche un neonato di solo 8 mesi; le condizioni più gravi sono quelle di due cittadini albanesi, un giovane di 24 anni e una ragazza di 22 che hanno riportato rispettivamente ustioni del 25% e del 5%. Intanto nella giornata di oggi sembrano migliorate le loro condizioni, mentre i carabinieri di Formia continuano nel loro lavoro per far luce su quanto accaduto. La violenta deflagrazione ha completamente sventrato l'appartamento al piano rialzato e quello attiguo provocando il crollo delle pareti esterne e danneggiandone anche altre due abitazioni.

IL GIORNO DOPO – Il giorno dopo quella che poteva essere una tragedia di proporzioni ancora più grande è tempo non solo della conta dei danni, ma anche quello delle considerazioni su quanto è accaduto. Eccellente la macchina dei soccorsi intervenuta nell’immediato, così come anche la solidarietà dei cittadini di Formia che si sono prodigati per aiutare gli abitanti della palazzina.

"Da un primo computo risultano completamente distrutti due abitazioni, un altro appartamento è stato gravemente danneggiato. Dieci le persone ferite tra cui un bambino di pochi mesi, diciannove le persone senza tetto di cui sette ricoverati presso le strutture ospedaliere di Formia e Latina" ha dichiarato il sindaco di Formia a poche di distanza. 

"Si è trattato di una esplosione terrificante - aggiunge il primo cittadino pontino - che ha sventrato tre appartamenti e fortunatamente ha fatto registrare solo dei feriti. Il bilancio poteva essere di gran lunga più grave, è stata sfiorata la strage".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La mobilitazione delle forze dell'ordine, vigili del fuoco, protezione civile e operatori sanitari è stata tempestiva ed efficace. Il Comune ha subito provveduto a sistemare le persone evacuate in un albergo cittadino – chiosa il sindaco Forte -. La macchina organizzativa ha funzionato alla perfezione sia nella fase di assistenza alle persone che nella verifica dei danni alla struttura del fabbricato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina, 227 i contagiati in provincia. Nel Lazio 173 casi positivi in un giorno

  • Coronavirus Latina: 237 contagi in provincia, 195 casi positivi in più nel Lazio in un giorno

  • Coronavirus, controlli della polizia: scoperta parrucchiera che lavorava in casa. Denunciata

  • Terracina, 250 mascherine donate al Comune. Il biglietto: "Dal vostro concittadino Gabriele Orlandi"

  • Coronavirus Fondi: il termoscanner individua un positivo al Mof, 140 screening su casi sospetti

  • Coronavirus, Latina piange la morte del ginecologo Roberto Mileti. E' la tredicesima vittima in provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento